PROGETTO INFANZIA: CILIEGIO DI CILIEGIE DI JEF AERTS E SANNE TE LOO

Buongiorno readers,
eccoci qui con un altro appuntamento dedicato alla rubrica del Progetto Infanzia...oggi conosceremo il grande valore dell'amicizia.



Cieligio di ciliegie
di Jef Aerts - Sanne Te Loo




Editore:
Camelozampa
Prezzo: € 16,90
Uscita: 3 Giugno 2021


Alcuni amici sono molto più che amici. Crescono come ciliegie gemelle attaccate allo stesso gambo. Adin e Dina sono degli amici così. Ma un giorno Adin e la mamma si trasferiscono in città, lontano dai ciliegi… Una storia su chi parte e chi ritorna e su come le vere amicizie possano durare per sempre. Età di lettura: da 5 anni.
RecensionE

Dina e Adin sono amici inseparabili.
Si arrampicano sugli alberi, mangiano ciliegie, vanno in bicicletta, piantano i noccioli.
Dina e Adin sono amici inseparabili. Si capiscono al volo, anche senza parlare. Se una ride, l'altro è felice.
Dina e Adin sono amici inseparabili, almeno fino a quando la mamma di Adin decide di partire per cambiare vita, portandolo via dalla campagna del padre di Dina.


Un sacchetto di noccioli di ciliegie <<sputati personalmente!>> da Dina, sarà quello che gli terrà compagnia quando sarà lontano. A Dina resterà il corvo di Adin; magra consolazione per lei, che proprio non manda giù questa separazione.

Jef Aerts ci racconta una storia di amicizia, separazione e ricongiungimento in un albo dal sapore perfettamente bilanciato tra dolce e acidulo, proprio come quello delle ciliegie. 


Le ampie tavole di Sanne te Loo accompagnano lo stato d'animo dei personaggi, ora con i colori vivaci della primavera, ora con le tinte più melanconiche di un tramonto, ora con l'aspetto un po' cupo della città. E, di colpo, l'inverno. Una pagina quasi completamente monocromatica, in cui spiccano le figure di Dina, del corvo e della bicicletta.
Dovunque arrivi, lei pianta noccioli. Lui, per tutto l'inverno, lancia aerei di carta con noccioli che cadono in mezzo alle case come un piccolo bombardamento.

Ma l'inverno, si sa, non può durare per sempre e prima o poi lascia il posto alla primavera.

Perdersi per poi ritrovarsi, in un'esplosione di colori e germogli e fiori.
Tutto il lavoro fatto dai due amici finalmente vede i suoi frutti.

 
"Una coperta di fiori si srotola a terra.
Parte dal frutteto vicino alla casa di Dina, passa per i paesi e arriva alla strada che abbraccia la città.
E da lì continua lungo parcheggi e piazze, aiuole e giardini, fino ai piedi della casa di Adin."
Non si può non seguire la traccia.
Ci sono legami che non si possono spezzare.



1 commento

Powered by Blogger.