RECENSIONE AUTORI EMERGENTI: NATI SULLA TERRA DI F.L. SCALA

Hola Gattolettori,
eccoci qui con un'altra lettura della nostra Simon. Oggi ci parlerà di un libro di F.L. Scala, Nati sulla Terra.


Nati sulla Terra
di F.L. Scala


Genere:
Narrativa
Prezzo:
€ 9,98 (ebook € 2,99)
Editore: Self Publishing
Pagine: 124
Pubblicazione: 30 ottobre 2019

Un professore quarantenne, una donna affascinante ed un mistero che coinvolge un'organizzazione segreta.
Durante una conferenza per presentare il suo ultimo saggio, Daniel Warviz, professore e linguista, espone ipotesi controverse sull'origine aliena delle civiltà antiche.
Il suo prossimo libro che cita alcune tesi sugli Antichi Astronauti promette di essere un grande successo, poiché basato su un prezioso diario che testimonia l’uso di ingegneria genetica già millenni orsono.
Proprio durante questa conferenza Warviz incontra Laila: una mediorientale misteriosa quanto affascinante che si dimostra interessata a scoprire come lui sia entrato in possesso di questo documento dal valore inestimabile.
Purtroppo per il professore, Laila non è l’unica che vuole porgli questa domanda.
Warviz si ritrova così, suo malgrado, coinvolto in una guerra che va avanti da millenni, una faida che si consuma attorno ai discendenti di “Coloro che vennero dal Cielo”.
Il professore finirà per svelare molti segreti, forse molti di più di quanto avrebbe desiderato...
RECENSIONE

"Molti archeologici ritengono che la civiltà come la conosciamo noi oggi abbia avuto il suo inizio circa cinquemila anni fa in quello che è oggi il moderno Iraq, nell'area tra il tigri e l'Eufrate. È qui, nel lontano passato prima della scrittura, che si vanno a cercare le tracce della discesa degli antichi Dei, quelli che venivano chiamati Annunaki dal popolo sumero..."

Dei, Umani, Discendenti, Massoni, Fratellanza, T-Evo, Cnam, Angel, DNA, Ingegneria Genetica e un diario segreto, "caduto" in mano di un tranquillo professore di Cambridge, quella stessa mano che verrà trapassata da parte a parte da un coltello... Daniel Warwiz possiede una consapevole certezza del suo valore, dei suoi ideali, del suo lavoro, svolto con grande passione e continuo stupore. Nel giro di poche ore, la sua vita si incontra e si scontra con un mondo assai diverso e lontano da quello abituale, tutto ciò che gli sta attorno lo rende inquieto, dubbioso, ma alla magnificenza della biblioteca in cui, quasi costretto, si ritrova, studiando e traducendo antichissimi testi, lo esalta, come lo esalta Laila, donna enigmatica che lo conquista ineluttabilmente.


"Era alta e atletica, una corporatura statuaria, la postura fiera. Il suo sguardo trasmetteva una sensazione di irrequietezza. Aveva la malcelata impazienza degli animali selvatici che vengono addomesticati e sembrano meditare ogni giorno, all'arrivo del padrone, se quella volta si lasceranno accarezzare o lo morderanno..."

Una guerra tra stirpi, forse alieni, o Dei, o umani o geneticamente modificati, solamente Laila ma nascosta dentro di sè l'amara verità, e una figura, sospesa, assente, Arun, che suggestiona le loro vite.
È stato un piacere leggere questo libro, me lo sono gustato lentamente, coinvolta da un'atmosfera avvincente, viva, senza mai alcun allentamento di tensione, l'andamento fluido, la scrittura senza intoppi, intensa, densa.

 

I personaggi tratteggiati con abilità.
Laila, forte, fiera combattente, misteriosa.
Achilles, simile a un semidio, angelo ribelle, un corpo quasi scolpito nel marmo.
Daniel, l'immagine della calma, della profondità, della protezione.
Un bel ritmo narrativo, di cui ho apprezzato anche il tempo, speso bene, usato per approfondire i rapporti, le relazioni tra personaggi, disegnati come fili di una tela di ragno e un tempo quasi sospeso, per i loro pensieri e il pensiero dei pensieri degli altri.


Nessun commento

Powered by Blogger.