PICCOLI LETTORI: SE DICO NO È NO DI ANNAMARIA PICCIONE E VIOLA GESMUNDO

Salve miei Piccoli lettori,
oggi Alessandro grazie all'albo Se dico no è no, ci farà conoscere Nico, un bambino da cui emerge come sia importante non rinunciare alla propria unicità e autenticità.


Se dico no è no
di Annamaria Piccione - Viola Gesmundo


Editore: Matilda Editrice
Prezzo: € 12,00
Pagine: 34
Uscita: 4 aprile 2018

"Se dico no è no" è il divertente racconto del piccolo Nico da cui emerge come sia importante non rinunciare alla propria unicità e autenticità. Non è un libro per invitare alla disobbedienza ma un libro sull'importanza di impegnarsi per realizzare i propri desideri più profondi. Guidare bambini e bambine ad avere una voce forte e chiara sui propri diritti è importante sia affinché nessuno si approfitti di loro sia perché nessuno impedisca loro di scegliere. È importante anche insegnare a dire no quando qualcuno vuol decidere per noi senza tener conto dei nostri desideri, soprattutto se queste decisioni sono condizionate da idee stereotipate e non da validi motivi. Il racconto di Nico sulla sua grande famiglia composta da donne offre molti spunti di riflessione e la scoperta di importanti figure femminili. Età di lettura: da 5 anni.
Recensione

Un testo che grida aiuto! Parole che ancora oggi cercano di far riflettere sull’importanza di definire le persone in base alle proprie qualità e alle caratteristiche personali e non in base alle differenze di genere.
Protagonista un bambino che si affaccia all’adolescenza e che fa fatica ad accettare di essere circondato da donne. 
Essere “diversi” fa sempre paura.


Cosa penseranno gli altri di me? Sono strano perché non ho un papà? Non riuscirò a crescere bene perché i miei riferimenti sono “solo” delle donne? 
La paura ci immobilizza, il giudizio ci rattrista, la solitudine crea muri invalicabili.

Ma se cambiassimo punto di vista? Se pensassimo a cosa potremmo assorbire da ciò che ci circonda senza pensare a cosa potrebbe mancarci?

La felicità si nasconde davanti ai nostri occhi  ma spesso è celata da veli sottili che deviano il nostro percorso.

Chiede di svolta una donna, per esattezza una bisnonna, che con la sua storia fatta di lotte e rivendicazioni. Una storia che insegna, una storia che affascina. 
Dire di no non è segno di debolezza ma un’azione coraggiosa per costruire le proprie fondamenta.


Nessun commento

Powered by Blogger.