REVIEW PARTY: IL DESTINO DELLA ROSA BLU DI ALEXANDRA ROSE

Buongiorno readers,
oggi ho il piacere di presentarvi un libro di un'autrice italiana Self, Alexandra Rose, con Il destino della Rosa Blu.
Seguiteci su Instagram perchè attraverso un giochino molto simpatico, uno di voi avrà la possibilità di portarsi a casa Il destino della Rosa Blu 1+2.

Il destino della Rosa Blu
di Alexandra Rose

Genere: Fantasy
Editore: Self Publishing
Prezzo: € 15,08 (ebook € 0,99)
Pagine: 385
Grafica: Catnip Design
Uscita: 15 Luglio 2018

Elìnor è una giovane fanciulla di venticinque anni che abita insieme a sua madre in un villaggio nei pressi delle Montagne del Nord, catena montuosa più impervia di tutto Algos. La sua vita da erborista e curatrice cambia in modo repentino una gelida mattina, quando scopre che il borgo in cui è nata e cresciuta è stato attaccato da un gruppo di mercenari assoldati dal sovrano della Terra di Helàn. Re Thanatos, infatti, mira a catturarla e averla al suo cospetto. Durante la fuga rocambolesca, la punta di un dardo sfiora la caviglia destra di Elìnor e dal sangue della ferita compare un misterioso e affascinante disegno di una Rosa Blu. Da quel momento in poi la sua vita si intreccia a quella di Dorian, nipote e sicario di Re Thanatos, e il mondo onirico nel quale i due si incontrano da sempre diviene più tangibile e reale. Elìnor si ritroverà coinvolta in qualcosa che sfugge alla sua comprensione, pedina di un destino irto di spine che non ha scelto, ma che si trova costretta a fronteggiare. Il suo coraggio e la sua forza saranno sufficienti a percorrerlo?
RECENSIONE

Elìnor abita in un piccolo villaggio nelle terre di Algos e come la madre, è un'erborista e curatrice.
Ma sarà proprio in una mattinata come tante che alla ricerca di erbe officinali, la sua vita cambierà drasticamente.
Il potente sovrano della Terra di Helàn, Re Thanatos, infatti informato da una megera che Elìnor nasconde dei grossi poteri, ordina a dei mercenari di catturarla e portarla a corte per averla al suo cospetto.
Uccisa la madre e distrutto il villaggio, la ragazza viene fatta prigioniera ma fortunatamente, in suo soccorso, arriva un giovane e misterioso ragazzo. Dorian però non è altro che un sicario assoltado da Re Thanatos per uccidere i mercenari e portare la ragazza a corte ma ciò che sorprende più Elìnor è il fatto che in realtà Dorian sia un volto ben noto alla ragazza...lui, è il ragazzo dei suoi sogni.

Sarebbe impazzita, prima o poi, in bilico in quel limbo tra sogno e realtà..

Da questo preciso istante la storia inizia ad intrigarsi e ad intrecciarsi clamorosamente, fra destini, maledizioni, profezie ecc. tutto diventa molto interessante ma complesso. Tanto per iniziare ad Elìnor, colpita da un dardo sulla caviglia destra, compare un misterioso e affascinante disegno. Una Rosa Blu che a quanto pare ne rende la guardiana. Dorian invece, il ragazzo dei suoi sogni oltre ad essere reale, è il principe di Helàn nonchè il nipote del ferocissimo Re Thanatos, suo nemico giurato.

Dorian era stato cresciuto da Re Thanatos, costretto a uccidere fin dalla più tenera età e a subire le torture del perfido cugino Eric.
Ma ovviamente le sorprese non finiscono qui, perchè oltre ad essere la guardiana della Rosa Blu, Elìnor sembra essere legata a Dorian da una maledizione.
Riuscirà Elìnor a scoprire cosa si nasconde dietro la profezia della Rosa Blu e cosa la lega a Dorian? 
Cosa accadrebbe se le guardiane fossero due?


Mi sono sempre ripromessa di essere sincera nelle mie recensioni dunque lo farò anche ora... per me Il destino della Rosa Blu è stata una grossa sorpresa sia in positivo che in negativo.
Partiamo subito dal lato positivo, la storia è sorprendentemente meravigliosa, non è niente di già visto e rivisto, è quindi del tutto originale.

Quattro eclissi, quattro bambini legati dal sangue. L'Imago Fati intreccia le loro anime: una Rosa Blu per la salvezza e una Rosa Rossa per la dannazione, condannate alla spasmodica ricerca della loro metà mancante. Due eclissi di luna per la salvezza, due eclissi di sole per la dannazione. Il sangue lega le Due Rose, il sangue lega la metà delle loro anime.
La protagonista femminile, Elìnor, è un personaggio forte, ironico e coraggioso. Niente a che vedere con le classiche figure mosce o disperate, Elinor ha carattere, è carismatica e piacevole.
Ciò non toglie che anche tutti gli altri personaggi sono caratterizzati alla perfezione a partire da quelli principali fino ad arrivare alle figure secondarie, vedi Lucien o Lord Andreia, tutti sono una pedina molto importante nella storia.
Anche l'ambientazione, molto varia, l'ho trovata abbastanza interessante. Queste montagne, boschi e collinee, non so perchè mi hanno fatto pensare al telefilm del Trono di spade.

Quindi ora vi starete chiedendo "ma se ti è piaciuto tutto perchè hai nominato anche i punti negativi?"
Ve lo spiego subito... tanto per iniziare in questo primo volume è stata messa troppa carne al fuoco. Troppi intrecci e troppe descrizioni che se evitate, avrebbero reso la lettura più scorrevole e fluida.
Nonostante la storia mi abbia catturato fin da subito, ho fatto infatti molta fatica a finire il romanzo e questo lo devo imputare soprattutto al linguaggio del libro, veramente troppo ricercato e prolisso.
Bella l'idea dell'autrice di usare in alcuni casi più punti di vista però non ho tanto apprezzato il fatto di rivivere la stessa situazione da entrambe le parti...
Era la pedina di un disegno più grande di quanto avesse immaginato. Per un assurdo istante desiderò che Dorian fosse lì, perchè era certa che lei e quel ragazzo condividessero la stessa sorte.
Il Destino della Rosa Blu...
Ciò non toglie che il romanzo mi è piaciuto molto e che non vedo l'ora di conludere la storia attraverso la lettura di Il destino della Rosa Blu: la contesa.


Nessun commento

Powered by Blogger.