RECENSIONE: LAURIE DI STEPHEN KING

Eccomi nuovamente qui Gattolettori,
per parlarvi ora di una novella che il maestro dell'horror Stephen King ha voluto regalare ai suoi lettori, in occasione dell'uscita del nuovo romanzo The Outsider.
Ora godetevi questa novella e mercoledì parleremo anche di The Outsider.

Laurie
di Stephen King

Genere: Thriller/Horror
Editore: Sperling & Kupfer
Prezzo: Gratis QUI
Pagine: 41
Uscita: 21 Settembre

Quando sua sorella Beth si presenta con una cagnolina, la prima reazione di Lloyd - vedovo da sei mesi, solo e senza figli - è di rifiuto. Il lutto gli ha tolto forze e desideri: già gli pesa occuparsi di se stesso, gestire un cane sarebbe impensabile. Ma la paziente fiducia della cucciola e i modi perentori della sorella - Una persona in lutto ha bisogno di qualcosa per tenere la mente occupata - hanno ben presto la meglio sulla fragile determinazione di Lloyd. Rimasti soli, l'uomo e la cagnetta - che Lloyd ha chiamato Laurie - imparano a conoscersi, scoprendo insieme il piacere di semplici riti condivisi. Fra questi, la passeggiata lungo il canale. Un sentiero tranquillo, che però un giorno diventa teatro di un evento atroce, a cui né Lloyd né Laurie erano preparati...
RECENSIONE

Lloyd sta ancora affrontando il lutto della moglie Marian, persa sei mesi prima, dopo 40 anni di matrimonio. Sempre più restio ad uscire e ad affrontare il mondo e la vita, la sorella Beth, preoccupata, decide di presentarsi a casa sua con un dono inaspettato, una dolce cagnolina, frutto di un incrocio tra un border Collie e un Mudi.

Ovviamente Lloyd incapace ormai di gestire le sue giornate e la sua esistenza, si rifiuta categoricamente di occuparsi e dedicare del tempo ad un cucciolo, figuriamoci quindi a tenerla con se. Fortunamente Beth, l'unica in grado di toccare le corde sensibili del fratello, alla fine riesce a convincerlo a ternerla almeno finchè non gli troveranno un'altra sistemazione.

Lasciati soli i due inizieranno a fare la reciproca conoscenza e giorno dopo giorno, Lloyd imparerà a convivere e ad apprezzare la compagnia della cagnetta, Laurie.
Tutto sembra andare per il meglio sembra quasi di leggere uno di quei romanzi sdolcinati di amicizia tra uomo e animale finchè... proprio in una delle loro piacevoli passeggiate, Lloyd e Laurie, si imbatteranno in una situazione, raccapricciante e spaventosa. 


Il Re dell'horror, Stephen King, anche in queste poche pagine, è riuscito a stupirmi e a trasmettermi ansia, imprimendo nel racconto, apparentemente tranquillo e dolce, quel pizzico di macabro e horror che contraddistingue ogni suo romanzo.

Ci ritroveremo così ad essere completamente spiazzati da un finale inaspettato e a renderci conto che King, anche in soli 40 pagine, è perfettamente in grado di inscenare una storia ricca di avvenimenti e terrore.

Se ancora non avete mai letto niente di King vi consiglio di leggere questa breve novella, per altro gratuita, affinchè possiate assaporarne la scrittura e fare la conoscenza del suo stile ma se invece volete iniziarla, pensando che sia un prequel di The Outsider, vi posso confermare che sono due racconti totalmente differenti.


8 commenti

  1. Stephen King sembra davvero entrare nella nostra testa facendoci vivere ogni scena che descrive ed è bellissimo sapere che la maggior parte di ogni lettore e fan dell'autore, sente esattamente le stesse sensazioni **

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Esatto...neanche un film riesce a trasmetterti così tanta angoscia e ansia come fa lui... è un genio!

      Elimina
  2. Sto leggendo proprio ora, un po' in anteprima, The Outsider: spiazzato, a sole 180 pagine, da una svolta inattesissima e amara.
    Passerò dopo a questa Laurie, che lì per lì non avevo notato. Grazie per la tua recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Si The Outsider l'ho finito proprio ieri... e anche se verso la fine mi ha lasciata un po' interdetta l'ho amato. Sono curiosa di leggere la tua recensione fammi un fischio quando è pronta ;-)

      Elimina
  3. Io sono una King dipendente e ho letto questo breve romanzo che trasmette sul serio grande ansia, grazie alle sue favolose descrizioni.
    Continuerò a seguirti con piacere!
    Baci,
    Luzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Lucrezia che piacere...King è King non c'è niente da fare!

      Elimina
  4. Che gentile regalo che ci ha fatto King. Comunque anche io lì per lì ci sono rimasta male perché credevo che si trattasse di prequel... pazienza mi accontento di una storia che comunque mi ha angosciato parecchio per essere di sole 40 pagine

    RispondiElimina
  5. Lo stupore che mi ha trasmesso questo racconto ha fatto sì che arrivassi alla lettura di "The Outsider" carica di aspettativa, che è stata assolutamente ripagata!

    RispondiElimina

Powered by Blogger.