PAGINA 69 #13

Buon Pomeriggio readers,
oggi sono stata precisissima con la giornata dedicata agli autori emergenti quindi dopo le sengalazioni eccomi qui a presentarvi l'ospite della Rubrica "Pagina 69"... ci farà compagnia Claudio Massimo e il suo primo libro di questa seria Fantasy mitologica "Aaron e gli Dei combattenti".

Se sei un autore emergente e vorresti anche tu il tuo spazio nella Pagina 69 pui inviarmi il tuo materiale a gattolibraio@libero.it

Autore Emergente se ti sei appena sintonizzato sul mio blog, il giovedì è dedicato a te quindi scegli come vuoi avere un po' di visibilità (segnalazione o pagina 69) e invia un email a gattolibraio@libero.it con il libro 

Sia per la pagina 69 che per la segnalazione dovrai inviarmi il seguente materiale:
- Libro da segnalare
- Piccolo estratto a piacere del libro
- Biografia
- Foto autore/autrice o qualcosa che vi rappresenti

Avviso: Tutte le email sprovviste di questo materiale non saranno neanche prese in considerazione

Ricordo che la rubrica è stata ideata da Ornella di Peccati di Penna.
 
AARON E GLI DEI COMBATTENTI -
CLAUDIO MASSIMO

Editore: Lettere Animate
Genere: Fantasy/Avventura
Pagine: 232
Prezzo: € 12,00 (ebook € 2,24)


Aaron è un ragazzino irlandese nato in una cittadina turistica del sud ovest dell’Irlanda, nel novantaquattresimo anno del secolo scorso durante la notte di Samahin. Il momento esatto della sua nascita coincide con l’allineamento dei nove mondi paralleli, che un’antica profezia indicava come l’esatto istante in cui sarebbe nato nella terra di mezzo il Prescelto; l’essere destinato a guidare l’esercito degli elfi bianchi contro quello del caos, nella battaglia finale per la salvaguardia dell’umanità. Ignaro di ciò che l’attende, Aaron conduce un esistenza tranquilla fino al compimento del decimo anno di età, momento in cui, il ragazzo comincia ad avere le prime apparizioni dei “guerrieri luminosi”, le cui gesta gli erano state narrate fin da piccolo da suo nonno. Aaron confessa l’accaduto all’anziano parente, e viene a scoprire dallo stesso, che le sue visioni non sono il frutto di allucinazioni, e che gli esseri che lui ha visto, sono in realtà degli dei combattenti, esseri reali che vivono in una dimensione parallela e che solo pochi umani sono in grado di vedere. La notte stessa il ragazzo fa’ uno strano sogno in cui vede il nonno attaccato da un gigantesco lupo, ma l’attacco fallisce perché l’anziano sparisce come inghiottito, all’interno di una quercia. Stranamente quel sogno coincide con la misteriosa scomparsa del nonno di cui non si hanno più notizie. Aaron però, non confessa a nessuno il sogno fatto, e tiene per se quell’oscuro segreto. Rassegnatosi al dolore per quella scomparsa e dimenticato lo strano incubo, il bambino continua la sua vita fino al compimento del ventesimo anno di età, ma durante un viaggio di ritorno in treno che dall’università in cui studia lo conduce verso casa, l’incubo ricompare, turbando nuovamente la vita del ragazzo, che dal quel momento in poi, non sarà più come prima. In un turbinio vorticoso di eventi, le forze oscure scoprono l’identità del Prescelto, il quale viene attaccato dal druido Nero. Salvato in extremis dagli dei combattenti che lo catapultano indietro nel tempo di quattromila anni, Aaron incontra nuovamente suo nonno, che in realtà è un discendente di un antico e potente druido. Il nonno introduce il nipote nel mondo parallelo dove dimorano gli elfi bianchi, l’esercito della luce che il Prescelto è destinato a guidare. Ma per condurre tale armata, Aaron dovrà prima unirsi con l’essenza del Grande Guerriero, eroe celtico morto due millenni prima della sua nascita, la cui anima è imprigionata nell’oltretomba. L unione, che avviene durante la notte di Samahin, sancisce la nascita di una dualità epica, come profetizzato. A legame avvenuto, Aaron e il grande guerriero compiono un viaggio che li porterà nel regno nascosto dei“Giganti Risplendenti” nella terra dell’ ”Eterno Bianco” dove il Prescelto è atteso dal “Sommo Veggente”. Ma il viaggio si presenta pieno d’insidie, e proprio quando la meta sembra vicina, Aaron e il suo “custode vengono attaccati da alcuni elfi dalla pelle di ferro. Lo scontro, pur vinto dal Grande Guerriero, ha delle gravi conseguenze per il Prescelto, il quale, investito dal ribaltamento della “zattera dei ghiacci” dovuto ad una tempesta evocata dal druido nero, rimane gravemente ferito. La sua vita, come il compimento dell’antica profezia, sono in serio pericolo. Il Grande Guerriero, dopo avergli fatto bere l’acqua della “Fonte della Guarigione” lo mette al riparo nella cupola d’energia, scaturita dalla sua spada magica, e attende a fianco del Prescelto, che lo stesso torni indietro dal mondo delle anime.

Il ragazzo stava sorvolando un paesaggio spettacolare, fatto di immensi prati che si spingevano fino alle rive del fiume che divideva la parte pianeggiante da quella delle colline. Sorvolarono una folta boscaglia, al di là della quale si estendeva un azzurrissimo lago, dove si stavano abbeverando ogni sorta di animale: cervi, caprioli, lepri ma anche volpi, lupi e addirittura qualche orso. Aaron guardò il re e gli chiese:
“Come è possibile che predatori si dissetino dove si abbeverano anche le loro prede?”
“Perché sono diamon, spiriti che si sono rigenerati nel tempo, e che nell’ultimo loro stadio di rinascita hanno deciso di prendere una forma animale. Essi non hanno bisogno di cibarsi, ma solo di abbeverarsi, perché l’acqua rappresenta l’elemento della purificazione. E la purificazione dell’anima al suo stadio finale, può avvenire solo nel sidhe, nel mondo parallelo, dove non arriva la corruzione dell’oscuro angelo. Una volta raggiunto lo stadio di purificazione finale, le anime dei diamon, lasciano il loro corpo e fanno il loro ingresso all’Isola Eterna” spiegò il re. “Essa rappresenta il luogo finale sia per gli umani che per gli abitanti del mondo parallelo. Noi siamo gli eredi dei Guerrieri della luce, ma non siamo immortali agli attacchi della Razza Nemica. Il nostro compito è quello di combattere essenze deviate ed elfi che hanno deciso di seguire il Supremo Antagonista. Molti guerrieri hanno sacrificato la loro vita per salvaguardare la razza umana.”
Mentre sorvolavano quella terra, l’astro che illuminava quel mondo, e che ad Aaron pareva il sole, stava per scendere oltre l’orizzonte; e gli ultimi raggi di quella stella tributarono al Prescelto un spettacolo di rara bellezza che incantò il ragazzo. Il cielo sembrava una immensa tavolozza di colori, mischiati fra loro da una mano sapiente, che si era divertita a ricreare delle sfumature tra l’azzurro del cielo che stava imbrunendo e l’arancione infuocato dei raggi del sole, su un tappeto di nuvole rese striate dal soffio leggero di una dea.

BIOGRAFIA





Il mio nome è Massimo Claudio, 48 anni, appassionato fin da ragazzino di storia e letteratura. Ho partecipato nell’aprile del 2014 al Workshop di scrittura tenuto dalla Corte editore di Torino, per studiare le tecniche di stesura di una romanzo. Grazie a quell’esperienza dopo numerosi studi sull’argomento; mi sono cimentato nella scrittura del mio primo lavoro letterario; una trilogia fantasy proto-celtica.

Volume I° Aaron e gli dei combattenti
Volume II° L’eletto alla ricerca della spilla di luce
Volume III° Il druido Nero.




Allora che cosa ve ne sembra? Vi ho incuriosito? Se volete potete acquistarlo direttamente dal link qui sotto.

Nessun commento

Powered by Blogger.