IL SALOTTO DEL GATTO LIBRAIO INTERVISTA ERICA MAI

Tic Tac Tic Tac tra 10 minuti esatti tutti a casaaaaaaaa!!
Finalmente è alle porte un altro week end e finalmente questa sera posso gustarmi un altra puntata del mio amato Arrow...chi di voi segue questa bellissima serie TV? Vi piace questa stagione o preferivate più Oliver nelle vesti del cattivo piuttosto di quelle dello sdolcinato?

Per quanto mi riguarda mi fa fare sogni erotici in tutti i senzi ahahah e a proposito di EROTICO sono qui a presentarvi un'autrice che tratta molto bene questo argomento...

Iniziamo quindi a conoscere ERICA MAI

Ciao Erica benvenuta nel Salotto del Gatto libraio, io e i miei lettori siamo curiosi di conoscerti quindi perché non mi parli un po’ di te? 
Ciao Sonia, volentieri. Sono una ragazza veneziana d’adozione, che ha lasciato la Liguria da piccolissima: in pratica ho nel cuore due città di mare. E separarmi da questo elemento, dalla spiaggia e dall’aria marina, oggi mi sarebbe impossibile. Di giorno lavoro con papà in bottega, mentre il tempo libero lo divido tra il mio ragazzo, l’equitazione e la scrittura.

Quando hai iniziato a nutrire la passione per la scrittura e quindi a buttare giù qualcosa?
Ho iniziato a scrivere da bambina, su un diario segreto: pensieri, fantasie, primi amori e desideri. Già su quelle pagine dividevo, con attenzione, gli accadimenti del quotidiano e i progetti immaginari. Penso mi sia servito per imparare a costruire le storie che, in seguito, sono diventate racconti. Scrivo sempre su un diario simile a quello, su carta, poi trasporto e sviluppo le idee su file.

Qual è il tuo primo romanzo? E qual è stata l’idea che gli ha dato vita?
Mi limito a scrivere racconti perché un romanzo, per il mio stile attuale, sarebbe qualcosa che non mi appartiene. Con il tempo ho cercato di rendere snella la mia scrittura: il primo ebook erotico, pubblicato sotto pseudonimo, contava quasi un centinaio di pagine. L’idea, come per tutti i successivi, si fondava su situazioni vissute da me e dalle persone che mi circondano, per svilupparsi poi verso possibilità alternative e sbocchi inediti.

Come mai ami il genere erotico? E' comunque un genere abbastanza particolare...
Sono attirata come una falena dal proibito, a causa dell’educazione ricevuta. Ho una curiosità molto forte, che ambisce a scoperchiare il classico vaso di Pandora pur di conoscere e approfondire argomenti tabù. Da ragazzina tendevo a cercare quelle letture che mi erano negate, spesso senza riuscirci. Quando raggiungevo l’obiettivo, non capivo cosa ci fosse di male, perché quei libri e quei fumetti non mi rendevano una persona peggiore: il mio atteggiamento in società era quello di prima, soltanto più smaliziato e meno ingenuo.

Come è nata la tua passione per la scrittura? 
Io e la penna siamo compagne inseparabili da sempre. Ma non sempre siamo state amiche: all’inizio scarabocchiavo pensieri senza capo né coda. Ed era frustrante: stracciavo e appallottolavo la carta di quaderni e diari, guardavo i romanzi e i racconti come obiettivi irraggiungibili. Poi, crescendo, mi sono imbattuta anche in libri meno riusciti di altri e ho capito che non era importante scrivere un testo perfetto, ma lo era lavorare con dedizione a migliorarsi. Quando mi sono resa conto che anche la scrittura costava impegno e fatica, che per ogni pagina riuscita ne dovevo cestinare parecchie, sono riuscita a invertire la tendenza. Mi hanno aiutata un paio di professori, che hanno giudicato con severità dove serviva e apprezzato il resto. Tutto questo percorso è stato accompagnato dalla passione: perché senza di essa, ne sono sicura, non avrei pubblicato niente.

Ci sono autori classici o molto noti che credi abbiamo influenzato, in qualche modo, il tuo stile?
Leggo un po’ di tutto: dai rosa ai thriller, dai fantasy agli erotici. Certamente preferisco questi ultimi, ma non solo per quanto riguarda la narrativa; anche per il fumetto e il cinema. Per il primo, i miei preferiti sono i lavori dello sceneggiatore argentino Carlos Trillo; che ha saputo coniugare erotismo e humour. A questo maestro aggiungerei il nostro Milo Manara; eccezionale come tratto e stimolante nelle storie. Mio fratello maggiore mi ha trasmesso il gusto per il cinema di Samperi, in particolare La Bonne, e per gli erotici degli anni ottanta. Tra gli scrittori metto senza dubbio Nabokov, Lawrence, la Nin ed anche, tra i più recenti, Melissa P. Non saprei dire da chi e come sono stata o meno influenzata, sicuramente devo qualcosa a ognuno di loro.

Ti ringrazio tantissimo per il tempo che ci hai dedicato...a questo punto vuoi dire qualcosa agli scrittori emergenti che come te amano tanto appassionare i lettori con nuove storie?
Posso dire di non abbattersi mai, se l’obiettivo è quello di raggiungere la notorietà: perché quest’ultima è frutto di un insieme di fattori e di una vasta dose di fortuna, non è possibile cogliere consciamente tutti gli ingredienti. Mentre la passione per la scrittura è sempre indispensabile e insostituibile. Occorre non dimenticare mai di leggere, soprattutto. E non solo autori affermati e noti, ma anche emergenti con cui confrontarsi e crescere.  
Grazie a te Sonia, per avermi ospitata. E grazie a tutti i tuoi lettori per avere letto questa intervista.


Come contattare l'autrice:
Blog: ericamaiscrittrice.blogspot.com
Contattala alla sua email: ericamai.scrittrice@gmail.com
Cercala su Twitter: @EricaMaiWriter 

Questa intervista è riuscita ad incuriosirvi? Bene ora andiamo a scoprire insieme qualche libro di Erica

SERIE LA BIONDA

Titolo: La Bionda - Oltri i Limiti
Autore: Erica Mai
Editore: Self Publishing
Genere: Erotico
Pagine: 28

Lo sconosciuto ti tocca. Si spinge al di là di quanto il pudore potrebbe permettere. Lì, sopra un autobus affollato, capisci che non sei più la ragazza che credevi di essere: basterebbe respingerlo, negare la tua partecipazione al suo gioco proibito. Ma sarebbe come mentire a te stessa. Lo vuoi. Desideri continuare a esplorare quel mondo che ti attrae, ammiccando a segreti inconfessabili. Avviene sotto gli occhi ignari della folla che ti sta intorno, con il terribile rischio di venire scoperta. Paura e bramosia stravolgono ogni cosa, impadronendosene senza riguardo.Ti chiamano la bionda. Per il colore dei tuoi capelli: finto. Come la facciata di perbenismo che ti porti dietro, quando abbracci il tuo compagno, ignaro di chi davvero sei.
  
Titolo: La Bionda - Abisso dei sensi
Autore: Erica Mai
Editore: Self Publishing
Genere: Erotico
Pagine: 27
Siete giovani, nel pieno della freschezza e del fascino che i vostri corpi possono sprigionare, tu e il tuo ragazzo. State insieme da qualche anno, ma la vostra relazione è a un punto critico. Inizi a chiederti se è questo che davvero vuoi. Se il tuo uomo potrà soddisfare i tuoi bisogni di donna. Finché non conosci un cliente e ti rendi conto che il tuo corpo ha necessità diverse, rispetto alla mente. Perché negare il desiderio è come affacciarsi davanti a un abisso: i sensi rischiano di travolgerti e di trascinarti con loro.
Ti chiamano la bionda. Per il colore dei tuoi capelli: finto. Come la menzogna che sarai presto costretta a raccontare al tuo ragazzo, per nascondere il giorno in cui lo hai tradito.
Questa è la tua prima avventura

SERIE CALORI

Titolo: Calori - Patto di Carne
Autore: Erica Mai
Editore: Self Publishing
Genere: Erotico 
Ogni ragazzo ha i suoi sogni da rincorrere. Nel caso di Rachele, una diciottenne veneziana, il desiderio più grande è quello di entrare nel mondo della musica. Ed è disposta a tutto, pur di riuscirci: anche di lasciare il fidanzato Davide in una stanza d’albergo e raggiungere la casa discografica, con pochi vestiti addosso, per far colpo sull’impresario. L’appuntamento avviene però in un giorno particolare, uno di quelli in cui una donna è predisposta a ben altri pensieri. A nulla è servito il consulto con la dottoressa Paola: ogni mese è peggio. Rachele deve tenere a bada i propri forti stimoli sessuali ed evitare di compiere scelte rischiose. Come il ragazzo sulla metro, che stuzzicato, la insegue per ottenere qualcosa di più dello spettacolo improvvisato e molto piccante che gli è stato offerto. La sorpresa più grossa, l’aspirante cantante la trova negli studi della casa discografica. Ed è qui che dovrà stringere un patto per continuare a coltivare il sogno: un accordo che andrà oltre ogni sua immaginazione e la sconvolgerà, spingendola a giocarsi le sue carte con un capriccioso imprevisto. 

Ti mordi un labbro, per non invitarlo ad alzarsi dalle lenzuola sfatte e scoparti, con quell’unico obiettivo. La cappa d’afa sguscia tra le pareti della stanza, moltiplica le gocce di sudore che scorrono, in tenui rigagnoli, dalla fronte al resto del tuo corpo.
Non ce la fai.
L’orgasmo di Davide è più lontano di quanto credevi.
La tua mano artiglia il materasso: stringe, annaspa, vorrebbe portarti via da lì, evitarti quel supplizio ingiusto. Basterebbe poco. Un piccolo aiuto. L’acqua che spegnesse il fuoco interno pronto a divorarti. È l’istinto a guidare il tuo gesto, a spingere le dita sulla pancia, a farle scivolare in basso, sotto il bordo della minigonna.
Finalmente schiudi le cosce.
Permetti alla mano di insinuarsi là, dove il sesso martella come un tamburo, facendo tremare la carne. Lo sfiori appena e si apre avido, inumidendo la punta delle dita.


Erica Mai è un’autrice italiana nata in Liguria. Vive a Venezia sin da bambina. Ama l’erotismo e scrive brevi racconti erotici da sempre, finora tenuti chiusi nel suo diario intimo. Certe cose le ha sperimentate di persona, molte altre sono lo sviluppo di una mente fertile e curiosa.
Patto di carne è il primo racconto della nuova serie Calori.
Sono stati precedentemente pubblicati, sempre in esclusiva ebook, tre racconti della serie La Bionda: Abisso dei sensi, Oltre i limiti, Piaceri nascosti.


Nessun commento

Powered by Blogger.