REVIEW PARTY: LA SEGRETARIA DI RENEE KNIGHT

Eccomi nuovamente qui readers,
per parlarvi di un libro fantastico che da oggi troverete in tutte le librerie e gli store online... sto parlando del nuovo thriller di Reneé Knight, firma del romanzo di successo La vita perfetta.
L'autrice ritorna con un Thriller carico di suspense e con una storia claustrofobica sulla doppiezza dei rapporti, sulla lealtà e sull'ossessione.

La Segretaria
di Renèe Knight


Genere: Thriller
Editore: Piemme
Prezzo: € 19,50 (ebook € 9,99)
Pagine: 305
Uscita: 20 Novembre 2018

Christine Butcher. È la tua segretaria, o "personal assistant" come si dice oggi. Ti fidi di lei. Da più di dieci anni accompagna le tue febbrili giornate in ufficio, controlla la tua agenda, e forse conosce anche te, la bella, famosa Mina Appleton, meglio di quanto tu stessa ti conosca. Caffè fino a mezzogiorno, tè nel pomeriggio, e dopo le sei nient'altro che whisky: la tua segretaria non sbaglia mai. Come faresti senza di lei? Christine è insostituibile: in questi anni, mentre prendevi in mano la guida del tuo impero di supermercati eliminando per sempre tuo padre, lei era lì. Qualche passo dietro di te, silenziosa come un topo, attenta a notare ogni cosa. Ogni segreto sussurrato, ogni informazione scambiata, ogni sguardo carico di significati. Tu le sei grata, davvero. Eppure, ogni tanto, ti si affaccia nella mente un pensiero. Fin dove arriva la lealtà di Christine Butcher? Quale prezzo ha la sua dedizione? Fino a che punto ognuno dei tuoi sporchi segreti sarà al sicuro con lei? Perché forse, senza volerlo, in tutti questi anni non hai capito chi è davvero la tua segretaria. Forse l'hai sottovalutata. E adesso sei pronta ad affrontare Christine Butcher?
RECENSIONE

Osservi, ascolti e la tua lealtà e discrezione non sono mai messe in dubbio... questa è la storia di Christine Butcher, la segretaria, o se ci vogliamo adattare ai giorni nostri, una personal assistant. Christine da più di dieci anni gestisce gli appuntamenti, controlla minuziosamente che gli orari nelle agende vengano rispettate e pianifica ogni movimento di Mina Appleton, la bella e famosa imprenditrice a capo di una catena di supermercati londinesi.

Siamo sufficentemente amichevoli ma, lo ammetto, possiamo risultare un po' glaciali. Siamo come spie: più tempo restiamo in servizio, più segreti custodiamo, più la nostra discrezione si fa necessaria.
Christine è assolutamente devota al suo lavoro ma soprattutto a Mina, per lei è disposta a fare qualunque cosa, anche a cancellare delle voci apparentemente normali di un'agenda, o a sbarazzarsi di documenti che Mina ritiene "vecchi". Tutta la vita di Christine ruota a torno a Mina, ed è sempre stata talmente alta la sua devozione che neanche la sua famiglia è riuscita mai a competere con tanta dedizione.
Mina d'altro canto è intelligente, ricca e potente e non si preoccupa assolutamente del benessere della sua segretaria, ma sa perfettamente come e quando ottenere qualcosa da lei e Christine succube di questo rapporto malato, quasi a ricordare la dialettica signore-servo di Hegel, accetta fin troppi sacrifici mettendo il suo lavoro al primo posto su ogni cosa.

Così gli anni passano inesorabilmente e Christine si ritrova sola, la sua lealtà verso Mina infatti le è costato un matrimonio e il suo rapporto con la figlia, ma a lei non importa... in fondo, ci sono ancora tanti segreti da mantenere finchè improvvisamente, questa bolla di perfezione esplode e negli uffici che fino a quel momento credeva felici e armoniosi più della sua stessa casa, si rivelano ai suoi occhi pieni di inganno e avidità.
Fin dove arriverà la lealtà di Christine Butcher? Fino a che punto i segreti di Mina Appleton potranno stare al sicuro con lei?


Renèe Knight è riuscita a dare vita ad un thriller psicoglogico ipnotico, claustrofobico, ad un gioco di potere e di lealtà mal riposti in cui alla fine a spuntarla sarà solo la coscienza.
Nonostante poi non sia un libro dal ritmo incalzante pieno di azione o altro, l'autrice è riuscita a tenermi legata al libro fino alla fine, più leggevo e più ero curiosa di scoprire se Christine avrebbe avuto o no il coraggio di vedere la realtà.

In quel momento ci credevo ancora. Ma diventata sempre più difficile separare la realtà dalla fantasia.
Il libro sembra procedere lentamente, sembra perdersi nei racconti di Christine, l'unica vera narratrice di questa storia, ma in realtà, vi sta solo preparando a quello che sarà il grand finale e lettori miei... vi assicuro che l'autrice è riuscita completamente a stupirmi e a spiazzarmi.
E se inizialmente Christine mi è apparsa solo come una donna debole e facilmente manipolabile alla fine mi sono dovuta ricredere su ogni fronte. Devo dire però che entrambe le figure femminili sono state caratterizzate alla perfezione tanto da sembrare reali e se pur in modo differente, sia Christine che Mina hanno dimostrato di essere avide, superficiali e senza scrupolo e sono state proprio queste caratteristiche ha rendere il finale ancora più inaspettato e ben congeniato.

Mi fermo qui perchè essendo un thriller psicologico già vi ho detto troppo ma vi consiglio assolutamente di leggere questo libro... del resto Renèè Knight già ci aveva dato saggio della sua bravura.


1 commento

  1. Purtroppo lo sto trovando davvero noioso. Speriamo che a 100 pagine dalla fine migliori un po'. 😔

    RispondiElimina

Powered by Blogger.