PAGINA 69#72

Eccomi nuovamente qui readers,
è infatti arrivato il momento della Rubrica di Pagina 69.
Oggi sul Blog troveremo Susanna Casubolo e il suo intrigante Giallo "Nel vuoto".

Pagina 69

Se sei un autore emergente e vorresti anche tu il tuo spazio nella Pagina 69 pui inviarmi il tuo materiale a gattolibraio@libero.it

Autore Emergente se ti sei appena sintonizzato sul mio blog, il giovedì è dedicato a te quindi scegli come vuoi avere un po' di visibilità (segnalazione o pagina 69) e invia un email a gattolibraio@libero.it con il libro 

Sia per la pagina 69 che per la segnalazione dovrai inviarmi il seguente materiale:
- Libro da segnalare
- Piccolo estratto a piacere del libro
- Biografia
- Foto autore/autrice o qualcosa che vi rappresenti

Avviso: Tutte le email sprovviste di questo materiale non saranno neanche prese in considerazione

Ricordo che la rubrica è stata ideata da Ornella di Peccati di Penna.
 
NEL VUOTO - SUSANNA CASUBOLO

Genere: Giallo
Prezzo:
€ 14,32 (ebook € 1,99)
Editore: Hoffmann & Hoffmann
Pagine: 236
Pubblicazione: Giugno 2018

Martina è una giovane infermiera con la passione per i gialli e le serie crime che è costretta a cambiare casa perché la sua migliore amica, con la quale convive, si sposa. Decide di cambiare quartiere ed avvicinarsi all'ospedale dove lavora e sceglie un appartamento dove si sistema con il suo labrador Scheggia. Nel soppalco di casa trova un diario che appartiene all'inquilino che ha abitato lì prima di lei e prova a restituirlo, anche se la curiosità la porta a leggerne qualche frammento. Conosce un ispettore di polizia che sfacciatamente si fa invitare a pranzo e le racconta che l'appartamento era abitato dall’avvocato Hernandez, un uomo molto stimato che si è gettato dal balcone, le indagini sul caso si sono chiuse decretandone il suicidio. Dopo un'iniziale desiderio di scappare il più lontano possibile da quel posto Martina cambia idea. Finalmente capisce come mai la sua vicina di casa, che sembrava una bisbetica, è invece solo impaurita dal suo appartamento e così conoscendola meglio scopre che è una chiacchierona con un cuore grande. Comincia a cercare tra gli abitanti del quartiere i possibili protagonisti dei frammenti scritti dall’avvocato nel suo diario, si improvvisa detective facendo domande in giro e piano di fronte ai suoi occhi si strappa il velo della finta serenità quotidiana che sembrava caratterizzare il suo quartiere ed emerge una realtà violenta dominata da un clan malavitoso. Si disegna meglio la figura dell’avvocato Hernandez, un uomo caritatevole che aiutava le vittime di violenza con la sua associazione di volontariato. Sulla sua strada da investigatrice apprendista trova Antonio un affascinante musicista che l’aiuta molto nella sua ricerca della verità, e che mette scompiglio nei suoi sentimenti soprattutto quando scopre che ha il cuore già impegnato. Riuscirà Martina a scoprire le ragioni della morte dell’avvocato Hernandez? E soprattutto riuscirà a resistere alla tentazione di innamorarsi di Antonio?

ESTRATTO

Trova Veronica, ad aspettarla alla porta, che la tira dentro per un braccio strattonandola.

– Cosa ci fai qui? Sei pazza? – Le trasmette un senso di panico.
– Ehi, che modi! – Protesta – Perché dovrei essere pazza?
– Non devono vederti con me, vattene, tra poco finiranno di suonare.
– Di chi dovrei avere paura? Perché dovrei avere paura? – La tempesta di domande.
– Martina tornatene immediatamente a casa! – Ha la voce stanca.
– Come fai a sapere il mio nome? Voglio delle spiegazioni!

Parlano entrambe sussurrando tra i denti, come a doversi nascondere da un pericolo imminente. La musica finisce e Veronica allarga gli occhi, le indica la porta furiosamente come se dovesse sparire alla sua vista immediatamente, ma una voce maschile chiama il suo nome e allora la spinge verso la finestra.
– Esci da lì, non è difficile, puoi calarti dalla finestra. – Le sussurra piano, poi rivolta alla porta alza la voce e usa un tono amorevole – Arrivo subito da te! Mi fai trovare il mio cocktail preferito?
Attende di essere sicura che si allontani e poi continua a spingerla verso la finestra. Martina fa resistenza, ha il vestito stretto, farà fatica a scavalcare il parapetto della finestra. Si toglie le scarpe e sorride amara della situazione, quando si vedono almeno una delle due si trova con le scarpe in mano.

– Me ne vado solo se mi prometti che verrai a spiegarmi qualcosa di più…
– Si, si, vai esci di qui!

Il muricciolo dista un metro e mezzo dalla strada, dovrebbe saltare, decide di sedersi ed allungarsi quel tanto che serve per scendere senza pericoli. Ci riesce e si trova nella strada del retro del locale, sta per infilarsi le scarpe, finalmente in salvo, quando sente una voce maschile rivolta verso di lei.
– Cosa ci fai qui? – Lo zingaro, che ha presentato Veronica, è affacciato sulla strada, dalla finestra della cucina del locale.  Impreca in un’altra lingua, con un balzo scavalca la finestra e le si para di fronte minaccioso.

Martina ha ancora le scarpe in una mano e la borsa nell’altra, invece di provare a spiegare una cosa qualsiasi per giustificarsi, si gira e comincia a correre nella direzione opposta. Sente i passi pesanti dell’uomo dietro di lei, guarda l’orologio, manca ancora mezz’ora dall’arrivo del suo taxi, deve trovare un posto dove nascondersi. La strada, illuminata dai lampioni, è deserta e non le dà nessun suggerimento per un riparo sicuro. Sente il motore di una macchina in avvicinamento e tenta il tutto per tutto, continuando a correre, raggiunge il centro della strada e si getta a terra facendo finta di cadere, quando l’autoveicolo è abbastanza vicino da doversi fermare per forza. Si fa male davvero, perché gira la caviglia in modo strano, e sente graffiare il ginocchio che batte sull’asfalto, stringe gli occhi e le scarpe al petto sperando di non essere investita. Sente lo stridio dei freni e l’aprirsi di uno sportello, guarda lateralmente lo zingaro, che la seguiva, prendere velocemente la strada di ritorno verso il locale.
– Milady è proprio il caso di dire che hai bisogno di un cavaliere che ti salvi! – Il viso sorridente di Antonio la sorprende e si sente al sicuro.
SUSANNA CASUBOLO

Susanna Casubolo oltre a essere psicologa e psicoterapeuta è esperta di metodologie autobiografiche e scrive articoli e recensioni per portali divulgativi online. Collabora con la Hoffmann & Hoffmann publisher e presta la sua professionalità per ingaggi come ghostwriter. Nel Vuoto, il suo ultimo romanzo pubblicato a giugno 2018, ha uno scopo benefico: il ricavato verrà devoluto all’Associazione Steel Horses che ha tra i suoi progetti quello del recupero degli animali domestici maltrattati.
Pagina Autrice QUI 


Allora che cosa ve ne sembra? Vi ho incuriosito? Correte ad acquistarlo...


2 commenti

  1. A volte basta anche solo un breve estratto come questo perché l'interesse per un libro si accenda :)

    RispondiElimina

Powered by Blogger.