AUTORI EMERGENTI RECENSIONE: L'IMPERO D'ACCIAIO - IL FIUME SI DIVIDE DI CLAUDIO BOLLE

Buongiorno Gattolettori,
e anche per questo giovedì ecco qui una recensione dedicata al mondo degli Autori Emergenti. La nostra Simon oggi ci farà fare un tuffo nell'antica Roma

L'impero d'acciaio
IL FIUME SI DIVIDE
di Claudio Bolle

Genere: Narrativa
Editore: Lettere Animate
Prezzo: € 13,90 (ebook € 2,99)
Pagine: 358
Uscita: Febbraio 2017

Una strana nuvola in cielo investe un’auto con quattro colleghi. Un lampo e si trovano in un paesaggio diverso, con un camion militare alleato che sta per fermarsi accanto a loro. Un altro lampo e il paesaggio cambia ancora. I quattro nostri contemporanei e i tre soldati della seconda guerra mondiale scopriranno di essere arrivati nella Roma di Tiberio. Per sopravvivere e affermarsi in quell’ambiente così estraneo dovranno tirar fuori grinta, determinazione e qualità che non immaginavano di avere. Nasceranno nuove amicizie e nuovi amori, saranno amati, odiati, stimati e combattuti.In questo primo libro, come in tutta la trilogia, l’ambientazione storica è accurata, i protagonisti sono a volte divertenti e spesso trasgressivi, tuttavia rimangono persone comuni, nelle quali sarà facile riconoscersi.
RECENSIONE

Mark, Tom, Sean, Mara, Paolo, Laura, Cesare. Cosa hanno in comune? Una sfera, una bolla di energia, un viaggio nel tempo.
Si può cambiare il fututo vagando nel passato? E' quello che tenteranno di fare i nostri sette protagonisti. I magnifici sette!

1944: Mark, Tom, Sean, tre militari che da Montecassino stanno partendo alla volta di Roma per unirsi alle truppe alleate.
2015: Mara, Paolo, Laura, Cesare colleghi di lavoro e non solo, si trovano ad Anagni per questioni lavorative.

Le vite di queste sette persone, scorrono come ogni giorno, fino a che verranno stravolte da un evento potente. Saranno così risucchiati da una sfera energetica che li condurrà tutti quanti, indietro nel tempo. In un attimo... si ritroveranno catapultati ai tempi della Roma Imperiale.

La sfera che avvolta nel vapore acqueo, ai quattro sembrava una nuvola, aveva rallentato sensibilmente, ma, prima che si rendessero conto che sava andando proprio verso di loro, li aveva avvolti e le sue energie, produssero un lampo che i quattro percepirono come se fosse dentro l'auto, avvertendo un breve formicolio in tutto il corpo. Strizzarono gli occhi e, quando li riaprirono videro il cielo, prima terso, coperto da un grigio strato di nubi e un grosso camion che avanzava verso di loro...
Prima occhi sbarrati, persi, impauriti, e allibiti ma poi perseveranti, coraggiosi, umili e generosi. I nostri sette personaggi, inizialmente sperduti, troveranno ospitalità da una famiglia di contadini Romani.
Dopo qualche giorno però ecco arrivare la svolta che cambierà la vita di ognuno... l'Imperatore Tiberio in persona, uomo di alta e colta levatura morale, li accoglierà sotto la sua ala protettrice.
Quale e quanto stupore, quale e quanta meraviglia davanti a questi uomini e donne venuti da un mondo sconosciuto che si scoprirà in seguito non essere altro che il futuro.

Devo ammettere, continuò Druso, che non so cosa cominciare a chiederti. Vorrei sapere come si muove questo... carro che non è un carro, come hai fatto a far suonare quella musica, come fanno questi sedili ad essere persino più comodi di quelli che sono nel mio Palazzo, come fanno quelle armi a fare quei fori...insomma non so da dove cominciare...
Quando ho letto che si trattava di un romanzo storico-fantastico, il pensiero di leggerlo sinceramente non mi aveva entusiasmato molto, infatti ammetto che non è il mio genere preferito. Invece già dalle prime pagine mi sono resa conto che più andavo avanti con la lettura e più venivo trascinata all'interno della storia.. Il libro è divertente, leggero, scorrevole, interessante e scritto veramente bene.

Fare un salto nella Roma Antica è stato molto affascinante e sarebbe una lettura ideale per ripassare la storia.
Se devo fare un appunto, ho trovato le scene erotiche piuttosto forzate, a tratti scritte anche abbastanza in modo grossolano ed elementare.


A parte questo però la storia ha un meccanismo così intrigante che ti spinge a tenere gli occhi incollati al libro fino alla fine. Mi sono molto divertita poi ad immaginarmi, grazie all'autore, le reazioni degli "antichi" verso i moderni e ovviamente anche il contrario.

A questo punto essendo il primo libro di una trilogia, non mi resta che attendere l'uscita del secondo libro...


Nessun commento

Powered by Blogger.