FUMETTILIANDIA: ANNA DAI CAPELLI ROSSI DI YUMIKO IGARASHI

Buon pomeriggio Gattolettori,
eccomi qui per un altro appuntamento con i Manga... oggi vi parlerò di un fumetto con cui ho sempra avuto un rapporto di odio/amore... Siete curiosi di sapere di chi sto parlando? Venite a vedere allora.


Anna dai capelli rossi
di Yumiko Igarashi
                                        

Genere: Shoujo
Editore:
Panini Comics
Volumi: 3
Prezzo: € 4,50
Anna Shirley ha 11 anni ed è orfana, il suo più grande desiderio di avere una casa e una famiglia che l’ami diventa realtà quando viene adottata da una coppia di anziani fratelli (Matthew e Marilla Cuthbert) che vivono nella piccola Isola del Principe Edoardo, sulla costa pacifica del Canada. Un ambiente rurale e contadino di inizio novecento, con il mare da un lato e la campagna dall'altro, fa da sfondo alle vicende quotidiane di questa bambina dalla fervida immaginazione e dal cuore rigonfio di amore da dare e ricevere. Tutto comincia quando alla stazione Matthew Cuthbert trova ad attenderlo, al posto del ragazzo che si aspettava, una buffa e lentigginosa ragazzina: il suo nome, come dice lei stessa, è Anna Shirley, ed è felice di essere stata finalmente adottata! Matthew non sa come rivelare alla ragazza che in realtà lui e sua sorella, Marilla Cuthbert, avevano adottato un ragazzo perché aiutasse nei campi, pertanto doveva esserci stato un equivoco di comunicazione tra i fratelli e la signora Spencer, incaricata di procurare l'orfano.
Quando i due arrivano a Green Gables, Marilla deve fare i conti con la sorpresa di veder scendere dal calesse del fratello una ragazzina dai capelli rossi. Marilla, dal carattere più fermo e rigido rispetto a Matthew, informa Anna che la sua presenza non è gradita, poiché alla fattoria hanno bisogno di un maschio. Anna si dispera, alla notizia che l'indomani sarà portata dalla signora Spencer, e da lì poi all'orfanotrofio. Durante il poco tempo rimasto insieme, l'orfanella ha modo di farsi conoscere: sognatrice e ciarliera, ha conquistato già il cuore di Matthew ma non ancora quello di Marilla... la quale, l'indomani, la porta dalla signora Spencer. Quest'ultima si scusa per l'equivoco e cerca di affidare Anna alla severa signora Blewett, perché la prenda a servizio come domestica. E' Marilla però ad impedirlo: durante il viaggio, infatti, Anna le ha raccontato la sua triste infanzia di orfana e Marilla non desidera che la bambina soffra ancora. In cuor suo, perciò, decide di tenerla a Green Gables. Anna perciò diventa la figlia adottiva dei fratelli Cuthbert: fin dall'inizio darà non pochi grattacapi ai suoi nuovi "genitori"..
RECENSIONE


Anna dai capelli rossi va
vola e va come una rondine
pero' un nido non ce l'ha
non ha una mamma ne un papa'

Anna dai capelli rossi ha
due grammi di felicita'
chiusi dentro all'anima
e al mondo vuol sorridere

Che meraviglia avere un gatto
che fa le fusa per me
e le libellule e tante lucciole
intorno a me, con me

Questa è la storia di Anna Shirley una ragazza orfana di 11 anni che un bel giorno, viene adotta da Matthew e Marilla Cuthbert una coppia di anziani fratelli.
In realtà a casa Cuthbert desideravano tanto avere un ragazzo affinchè potesse aiutare Matthew nei lavori dei campi, ma quando i due fratelli si sono visti piombare nelle loro vite semplici e ordinarie, questa ragazzina tutte lentiggile e le hanno senito raccontare la sua triste storia, non hanno avuto il coraggio di riportarla all'orfanotrofio.
Così quella buffa ragazzina dai capelli rossi che ama tanto inventare storie, sognare ad occhi aperti, apprezzando ogni piccola cosa della vita, piano piano è riuscita a conquisterà il cuore di tutti gli abitanti di Avonlea.

Devo dire che con il cartone ho sempre avuto un rapporto di odio e amore, proprio per questo suo sproloquiare e questo suo ottimismo sconfinato ma a trentasei anni, appena tra le mie mani è capitato il suo manga, non ho potuto fare a meno di acquistarlo.

Bè che dire il manga è indubbiamente superiore all'Anime... è vero essendo solo tre volumi la storia è abbastanza striminzita e concisa però mi sono innamorata delle sue tavole.
L'Igarashi con i suoi tratti è riuscita nuovamente a farmi riavvicinare a quella bambina bizzarra e spesso prolissa. 
Mi sono ritrovata a ridere per le sue biricchinate o li suoi monologhi melodrammatici, come quando a causa di un errore banale, ha fatto ubriacare la sua migliore amica Diana Barry.
Anche gli interminabili battibecchi con Gilbert Blythe, che avendola presa in giro per i suoi capelli rossi, diventerà il suo amico giurato, mi hanno fatto divertire tanto.



Con questo Shoujo è stato inevitabile fare un salto indietro con gli anni. Peccato solo che la parte finale a mio avviso, è stata troppo frettolosa.
Rispetto all'anime poi il viso di Anna l'ho trovato di gran lunga molto più piacevole, sarà che Igarashi con il suo tratto morbido e piacevole gli ha donato degli occhi più espressivi.


Indubbiamente non ci troviamo davanti ad un capolavolo ma se volete passare qualche ora in compagnia di un piacevole personaggio, questo è il manga che fa per voi.
Sicuramente ora mi sono così incuriosità che andrò alla ricerca anche dei volumi in cui Anna è una ragazza ormai adulta.


Storia: 7/10
Disegni: 9/10

Nessun commento

Powered by Blogger.