RECENSIONE: IL GIOCO DELL'ASSASSINO DI SANDRA SCOPETTONE

Buongiorno readers,
non so voi ma ormai sto contando le ore per la fine di questa settimana lavorativa, non ce la faccio più a lavorare, voglio solo riposarmi...
Comunque è arrivato il momento di parlarvi di una lettura che ho trovato molto carina e che consiglio a tutti i ragazzi che si vogliono avvicinare al mistery.

Il gioco dell'assassino
di Sandra Scopettone


Genere: Giallo per ragazzi
Editore: Il battello a vapore
Prezzo: € 9,90 (€ 4,99 ebook)
Pagine: 234
Uscita: 19 Giugno 2018

Anna e la sua famiglia si sono da poco trasferiti a Blue Haven Island, nel Maine. Una sera, mentre i ragazzi del paese stanno giocando al "gioco dell'assassino", uno di loro viene misteriosamente ucciso. Per scagionare suo fratello, Anna si mette a indagare sul delitto, e parlando con i suoi nuovi amici arriva pian piano a comporre un'inaspettata immagine della vittima, portando alla luce una verità che nessuno vuole raccontare. Finché, per arrivare a smascherare il colpevole, si troverà a rischiare la sua stessa vita. Età di lettura: da 12 anni.
RECENSIONE

Nonostante la trama mi avesse attirato tanto, non credevo che un giallo per ragazzi potesse appassionarmi così tanto. Proprio così lettori miei... Il gioco dell'assassino me lo sono letteralmente divorato. 
L'autrice è riuscita ad incuriosirmi e a tenermi incollata al libro fino all'ultimo capitolo cosa che spesso, neanche i thriller così detti "adulti" riescono a fare.

A causa di una malefatta del fratello gemello Bill, Anna e la sua famiglia sono stati costretti a trasferirsi nel Maine, a Blue Haven Island. Qui hanno rilevato un ristorante di Aragosto e grazie a questo hanno potuto legare con le persone del posto.
Anna fidanzata ormai da anni con Tony non può far a meno, dopo il trasferimento nella nuova cittadina, di provare una sorta di attrazione per Kirk, il figlio maggiore della famiglia Cunninghan nonchè il ragazzo modello e generoso che tutti sembrano amare.
Anche Kirk, nonostante sia fidanzato con Charlotte, sembra provare qualcosa per Anna. I due quindi tra incontri fugaci e baci rubati iniziano a corteggiarsi. Una sera però mentre i ragazzi del paese, Charlotte, Bill, Anna, Kirk, Watson, Dick, Nicki e Larry si apprestano a giocare al loro solito "gioco dell'assassino", Kirk viene ucciso veramente nel bosco con il suo coltellino. La colpa ovviamente ricade sull'unica persona ad avere avuto già problemi con la giustizia, ovvero Bill, il fratello di Anna.

Ma perchè Kirk è stato ucciso? Era realmente quella persona ammirevole e coraggiosa che Anna credeva? E perchè Tony è comparso misteriosamente a Haven Island proprio la sera dell'omicidio?

Il gioco dell'assassino è in realtà una storia molto semplice che, raccontata in prima persona da Anna, la vera protagonista di questo simpatico giallo per ragazzi, vi condurrà dentro ad una indagine esilarante. 
La trama l'ho trovata ben strutturata e l'autrice è stata talmente abile a celare l'identità dell'assassino che quasi fino alla fine ancora non ne ero venuta a capo.

Ho apprezzato molto anche il personaggio di Anna, non si tratta infatti della solita ragazza stereotipata anzi, nella sua fragilità e sensibilità, tirerà fuori il carattere per dimostrare a tutti che il fratello gemello, non è l'assassino di Kirk. Annotando su un taccuino, tutti i dati dei presenti al gioco, Anna si immedesimerà nei panni di Libby Crawford, la protagonista dei libri gialli scritti proprio da sua madre. Riuscirà a trovare l'assassino e a scagionare il fratello?

Si tratta di un libro degli anni ottanta ma questa nuova edizione del battello a vapore lo ha reso ancora più frizzante e gradevole.
Stanchi dei soliti thriller impegnativi? Allora provate a leggere Il gioco dell'assassino, lo consiglio però soprattutto a quei ragazzi che hanno sempre sognato di fare gli investigatori e che si vogliono avvicinare al genere mistery.


4 commenti

  1. Awww, mi ispirano tantissimo i gialli di questa collana!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siiii poi questo che ho letto l'ho trovato molto carino e ben scritto ora mi butto su gli altri eheheh

      Elimina
  2. Ciao, quando ero adolescente leggevo tantissimi gialli, credo di aver letto anche questo, anche se conservo solo un ricordo sbiadito... se non lo conosci, comunque, ti consiglio di leggere Christoper Pike (Weekend; La morte arriva per posta; sotto accusa...) :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ariel,
      grazie per i consigli me li segno subito! Sono una divoratrice di thriller ma anche questi gialli sono fantastici

      Elimina

Powered by Blogger.