RECENSIONE: UNA CAPRA SUL TETTO DI ANNE FLEMING - DOMINIO LETTERARIO

Buongiorno readers,
solitamente non pubblico mai il sabato ma oggi ho fatto un'eccezione per il giochino del Dominio Letterario... Quindi eccovi qui la mia tessera e se volete partecipare anche voi, ogni mese ci divertiamo a lanciare nuove sfide...

Una capra sul tetto
di Anne Fleming


Genere: Narrativa
Editore: Mondadori
Prezzo: € 16,00 (€ 8,99 ebook)
Pagine: 159
Uscita: 15 Maggio 2018
Kid si è trasferita con i genitori a New York per prendersi cura dell'appartamento di un ricco parente (e del suo cane col nome da gatto, Cat). Il palazzo si rivela bizzarro sin da subito: si mormora che sul tetto viva una misteriosa capra e che porti sette anni di fortuna a chiunque la veda! Kid è così timida da non riuscire a rivolgere la parola a nessuno, ma per scoprire la verità sulla capra dovrà conoscere i nuovi e stravaganti vicini di casa: Jonathan, il pensionato che ha subito un ictus e cerca un modo diverso per comunicare; Kenneth P. Gill, appassionato di opera lirica e criceti; e Joff Vander-linden, scrittore di fantascienza cieco che ama andare in skateboard. Per fortuna Kid incontra un nuovo amico, Will, che ha paura delle altezze e ha una nonna iperprotettiva, ma è pronto a indagare insieme a lei sulla leggendaria capra sul tetto. Un romanzo sulle piccole e grandi paure, pieno di personaggi imperfetti e umani che tutti vorremmo avere come vicini di casa. Età di lettura: da 10 anni.
RECENSIONE

Grazie ad un buono Mondadori aggirandomi per la libreria, mi sono imbattuta in un libro dal titolo molto curioso e dalla copertina veramente carina, Una capra sul tetto.
Solitamente non leggo mai la trama, mi faccio sempre guidare dall'istinto o al massimo dai consigli delle altre blogger...mi è sempre andata bene... fino a questo momento...
Apparentemente Una capra sul tetto sembra una storia carina, fatta di incontri, nuove amicizie e di persone che riescono, grazie all'aiuto di altre, a superare le proprie difficoltà e paure ma tolto questo, il libro è veramente sconclusionato e poco interessante.

Andiamo con ordine...una capra sul tetto nella città più confusionaria del mondo, New York? Questo mi ha fatto subito presagire che il libro non sarebbe sicuramente nella top ten dei miei libri preferiti.
I protagonisti di questa storia sono due giovani ragazzi, Kid una ragazza timida e introversa che trasferitasi a New York con la famiglia, per badare al cane dello zio, Cat, troverà una simpatica compagnia in Will, un ragazzo che avendo perso i genitori nell'attentato dell'11 settembre, è diventato acrofobico.

Nel palazzo in cui si è momentaneamente trasferita Kid, si mormorà che sul tetto viva una capra e che porti sette anni di fortuna (e non sfortuna) a chiunque la veda! Secondo voi cosa faranno i due ragazzi?
Ovviamente si metteranno alla ricerca di questa fantomatica capra.


Alla storia dei due ragazzi e della ricerca alla capra, si intrecceranno anche le storie e le vite degli altri inquilini di questo pittoresco palazzo... faremo così la conoscenza di Joff lo scrittore cieco amante dello skateboard, di Johnathan, che a causa di un ictus si è visto portare via il sogno di una vita o di Kenneth convinto che il padre si sia reincarnato proprio in quella capra.

Verrano quindi toccate molteplici situazioni che, nell'arco della vita, potrebbero presentarsi a ad ognuno di noi, come la paura della perdita e la convivenza di questa, la difficoltà ad esprimersi a causa della timidezza, l'acrofobia o semplicemente l'ostinazione a non voler accettare l'aiuto di altri.
Il simbolo della capretta che trotterella felice e spensierata nel tetto del palazzo e che porta Fortuna a a chiunque ha la possibilità di vederla, diventa in realtà, un messaggio di speranza, una metafora per quelle persone che hanno smesso di lottare e che non credono più nelle proprie possibilità. .

Il flusso della vita. Che miracolo assurdo. O forse no, non era affatto assurdo. E, forse, nemmeno un miracolo.
Detto ciò questo libro mi ha dato l'impressione di trovarvi dentro alla classica commedia napoletana...caciaronam confusionario e piena di personaggi imperfetti.
Nonostante l'autrice voglia trasmettere un messaggio di speranza e coraggio, questo libro non mi ha colpito tantossimo e se devo dirla tutta, il finale mi ha lasciato veramente perplessa.
Chissà magari mi sbaglio e sicuramente voi riuscirete a vedere più di quello che ho visto io, però per quanto mi riguarda, Una capra sul tetto è stato bocciato!


Volete curiosare anche tra le altre tessere del dominio letterario? Allora ecco qui il calendario.


3 commenti

  1. Ciao Sonia, io invece a istinto lo avevo scartato e mi sa che dopo la tua recensione continuo in tal senso xD

    RispondiElimina
  2. Ahahah no il titolo non mi aveva attratta xD

    RispondiElimina
  3. Peccato! Appena ho letto il titolo e la trama sono corsa a vedere se fosse disponibile su Mlol ma la tua recensione ha un po' calmato l'euforia. Peccato!

    RispondiElimina

Powered by Blogger.