RECENSIONE: IRON FLOWERS DI TRACY BANGHART

Buongiorno readers,
finalmente è venerdì e mai come questa settimana ho desiderato tanto l'arrivo del week end...perchè? Finalmente mareeeee....
Ora però è il momento di ritornare seri perchè sto per parlarvi di un libro magnifico...
Tutti gli amanti del Fantasy YA come me sicuramente lo stavano aspettando e finalmente dal 29 Maggio lo potrete trovare in tutte le librerie e gli store online.
Intanto amici lettori godetevi questa antemprima.

Iron Flowers
di Tracy Banghart

Genere: Fantasy YA
Editore: Dea Planeta
Prezzo: € 15,90 (ebook e 6,99)
Pagine: 386
Uscita: 29 Maggio 2018

Quando non c'è soluzione, l'unica soluzione è cambiare le regole, e a volte bastano due sole donne per farlo.
In un mondo governato dagli uomini, in cui le donne non hanno alcun diritto, due sorelle non potrebbero essere più diverse l'una dall'altra. Nomi è testarda e ribelle. Serina è gentile e romantica e ha sempre desiderato diventare una delle Grazie, una delle mogli del principe. Ma il giorno in cui le due ragazze si recano a palazzo, Nomi come ancella, Serina come candidata Grazia, accade qualcosa di inaspettato che cambierà per sempre le loro vite. Perché contro ogni previsione è proprio Nomi a essere scelta dal principe come sua donna, non Serina... E mentre per Nomi inizia così una vita a palazzo, tra sfarzo e pericolosi intrighi di corte, Serina, accusata di tradimento per aver mostrato di saper leggere, viene confinata nell'isola di Monte Rovina, una prigione di donne ribelli in cui per sopravvivere occorre combattere e uccidere. Per entrambe, la fuga è impossibile e un solo errore potrebbe significare la morte.
 RECENSIONE

Due sorelle... due modi differenti di rapportarsi alla vita... due prigioniere!
Questa è la storia di Nomi e Serina, una testarda, ribelle e sognatrice l'altra romantica, realista e figlia dell'amore.
Nomi nonostante l'età ha sempre combattuto per far velere il suo pensiero e non a caso, grazie a Renzo il fratello gemello, ha imparato a leggere e a scrivere, fatto veramente oltraggioso per una donna di Viridia. Serina invece è nata ed è stata curata da tutta una vita per diventare una Grazia, una sorta di concubina del Re. Fin dalla sua giovane età è stata preparata al grande evento, ha imparato a suonare l'arpa, ad essere elegante, a danzare e a dispensare sorrisi.

Finalmente il gran giorno è arrivato Serina e Nomi, quest'ultima in veste di ancella, si recano al palazzo. Tutto sembra essere già stato scritto, Serina diventerà una Grazia... se non fosse però, che a causa di un increscioso incidente ad essere scelta sarà invece proprio la sgraziata Nomi.
Le sorti delle due sorelle si ribalteranno inesorabilmente e Serina, finirà anche per essere accusata di alto tradimento e allontanata dal Palazzo.

Le due ragazze si ritroveranno così entrambe prigioniere, l'una di una gabbia d'oro costretta a diventare una Grazia e a passare il resto della vita a servire e compiacere l'uomo che odiava, l'altra rinchiusa in un carcere di donne ribelli sull’isola di Monte Rovina, dove per sopravvivere, imparerà fin da subito a cambattere e ad uccidere.
Riusciranno le due sorelle a mettere in atto il loro piano e ritrovarsi? Chi dei due fratelli farà breccia nel cuore di Nomi? Il malvagio Erede, Malachia o il fratello perfetto, Asa?

Quando non si trova una soluzione, l'unico rimedio diventa quello di cambiare le regole.


Bhè che dire se non WOW!!! Iron Flower è un romanzo che sicuramente farà parlare di sè, credetemi. La sua storia infatti non cela solo un mondo immaginario, fatto di costumi, usanze, balli o intrighi, è soprattutto un romanzo che lancia un messaggio molto importante come quello in cui si evince il fatto che nessuno ha il diritto di decidere per la vita di altri.
E' sicuramente un romanzo rivoluzionario, femminista, in cui la Banghart fa forza sul fatto che anche le donne, di qualsiasi razza o grado sociale, hanno tutto il diritto di decidere della propria vita. E' un romanzo che spinge a dire basta... a dire No... a reagire!

"A Viridia, le donne venivano oppresse perchè gli uomini avevano paura di loro. Le donne avevano governato il Paese, e la storia le aveva screditate. Cancellate."
Come avrete intuito è stata una lettura che ho amato tantissimo, tutto infatti mi sarei aspettata tranne che trovarmi davanti ad un libro così forte e prezioso.
E' inutile soffermarmi sulla storia o sull'ambientazione perchè vi assicuro... sono strepitose soprattutto il setting del palazzo e dell'isola ma il vero punto forte di questo libro secondo me è stata la caratterizzazione dei personaggi.
Attraverso i POV di Serina e Nomi infatti ci ritroveremo sia a soffrire che a gioire con loro quasi fossero nostre amiche. Le vedremo crescere, prendere decisioni importanti, trasformarsi per sopravvivere ma soprattutto combattere ed escogitare piani per ritornare ognuna nelle braccia dell'altra.
All'inizio potranno sembrarvi due protagoniste come tante, ma piano piano, la loro tenacia, caparbietà e forza, vi conquisteranno.

"Noi non siamo fiori" disse con voce decisa. "Come hai detto tu, Oracolo, siamo fatte di cemento e filo spinato. Noi siamo fatte di ferro.
Ovviamente preparatevi che non potrete chiudere il libro senza strapparvi prima tutti i capelli...poteva secondo voi la Banghart non lasciarci con un cliffhanger pazzesco? Per farvi battere il cuore poi non mancherà neanche il lato amore.
Se ancora non vi ho convinto con le buone ora passo alle minacce....DOVETE LEGGERE QUESTO LIBRO, credetemi non ve ne pentirete affatto.


Io vi ripropongo anche qui la playlist fatta per la tappa del Blogtour...credetemi la colonna sonora è azzeccatissima eheheh.

7 commenti

  1. Mi ispira tanto questo libro!Spero di riuscire a leggerlo presto *__*

    RispondiElimina
  2. Bravissima. Una recensione perfetta a mio avviso. Mi piace come ci hai esposto la storia ed il tuo entusiasmo. Lo leggerò sicuramente.

    RispondiElimina
  3. Una storia che si fa sempre più interessante una lettura che ti tiene incollato alle pagine ma perché sul finale ha messo un cliffhanger T_T morirò di curiosità nel attesa del prossimo. Ne sono convinto.

    RispondiElimina
  4. Questo libro è #GirlPower insomma!
    Mi avete convinta con tutte queste recensioni ricche di entusiasmo!

    RispondiElimina
  5. La verità Sonia? Mi hai stra convinta!! Con una recensione così scoppiettante e positiva, come non fidarsi di te? 😉 📖 Non vedo l'ora di leggerlo e anzi mi piace già moltissimo l'insegnamento che nessuno dovrebbe avere il diritto di scegliere il destino della vita altrui... 😉

    RispondiElimina
  6. "Non siamo fiori. Siamo fatte di cemento e filo spinato. Noi siamo fatte di ferro".

    Boom, bitch!

    Mi sto immaginando Nomi nel momento in cui pronuncia questa frase, carica di determinazione e orgoglio. È un po' il modo in cui dovrebbero sentirsi tutte le donne, anche quelle che all'apparenza sembrano più fragili, ma che nelle situazioni più estreme si ergono in tutta la loro statuarietà, riprendendosi le dovute rivincite. Un inno a non arrendersi dinanzi agli ostacoli più duri, un inno alla libertà, al desiderio di recidere qualsiasi limitazione imposta, la volontà di affermare la propria dignita.

    È tutto quello che mi aspetto.

    TB.

    RispondiElimina
  7. Io ho letto il lirbo e, come te, penso sia fantastico, e avrei una domanda MOLTO seria
    Quando esce il secondo libro??

    RispondiElimina

Powered by Blogger.