BLOGTOUR: IL QUADERNO DEI NOMI PERDUTI DI SOFIA LUNDBERG - 1° TAPPA

Buongiorno readers,
che bello iniziare il lunedì con la consapevolezza che domani sarà nuovamente festa ahahah ma non potevamo lavorare solo 4 giorni su 7?
Basta però ora con lo sproloquio, è infatti arrivato il momento di presentarvi un libro veramente bello è imperdibile che da oggi potrete trovare in tutti le librerie.


Ciao a tutti io sono Doris, una simpatica (almeno spero) vecchietta che vi accompagnerà in questo viaggio di presentazione del libro di cui sono la protagonista.
Prima però volevo spiegarvi brevemente, prometto che non vi annoierò, cosa troverete tra le pagine del libro Il quadern dei nomi perduti...la mia storia.

E già...è vero ora sono una vecchietta con problemi alla schiena che non riesce quasi neanche più a camminare per casa, ma vi assicuro che già all'età di tredicianni anni, dopo la morte di mio padre, ho avuto la possibilità di visitare e vivere in importantissime città, come Parigi, New York o la stessa Stoccolma.

Nel mio cammino ho incontrato anche tantissime persone e per paura di dimenticarmi di loro, ho appuntato tutti i nomi di quei singolari incontri, nel bellissimo quaderno di pelle rossa che mi aveva regalato mio padre al mio tredicesimo compleanno, l'ultimo che purtroppo festeggiammo insieme.

Sentendomi ormai prossima al "ritiro" ho deciso di parlarne sia con voi che con la mia nipotina super impegnata Jenny... Siete pronti?


Il quaderno dei nomi perduti
di Sofia Lundberg


Genere: Narrativa
Editore: DeA Planeta
Prezzo: € 17,00 (€ 7,99 ebook)
Uscita: 30 Aprile 2018
Di cosa è fatta davvero una vita? Cosa vale la pena salvare dalla sabbia impalpabile dei giorni, degli anni? Se lo chiede, sola nel suo appartamento a Stoccolma, l’anziana Doris. La risposta è racchiusa in un quaderno molto speciale. Quello che il padre le regalò per il suo decimo compleanno, e che lei vuole lasciare all’inquieta nipote Jenny. Alle sue pagine ingiallite Doris ha consegnato tutti i nomi della sua lunga e tumultuosa esistenza: Stoccolma, Parigi, New York. Madame Serafin, Gösta il pittore, l’ingenua sorella Agnes. E Allan. Parenti, nemici, amanti; ognuno occupa un posto cruciale nel romanzo della sua vita, ognuno ha una storia e tocca a Doris, adesso, raccoglierle. Per riannodare le fila di un destino che, malgrado tutto, prepara gli ultimi colpi di scena. E ritrovare il senso di un viaggio che forse si chiama amore.
Non trovate che la copertina Italiana sia veramente stupenda? Per me è stato amore a prima vista, voi Italiani avete quello sprint in più che serve a rendere le cose più poetiche ma andiamo a vedere cosa hanno fatto anche gli altri paesi.


Ma volete conoscere chi realmente mi ha dato la possibilità di stare qui con voi in questo momento?
Allora ve la presento subito...
SOFIA LUNDBERG

Giornalista svedese, Sofia Lundberg segna il proprio esordio come scrittrice con un libro che affronta delicatamente - ma attraverso un racconto esuberante - il tema della vecchiaia, della memoria e del vivere una vita di chi ci ha preceduto attraverso i suoi racconti. "Il quaderno dei nomi perduti" arriva nelle librerie italiane il 30 aprile

Siamo quasi arrivati alla fine... spero che questo libro possa arricchire la vostra vita e quella di mia nipote Jenny... è vero sono un'anziana donna che vive ormai in solitudine ma nonostante nella mia vita ci siano stati tanti momenti difficili...l'ho sempre vissuta al meglio! Quindi ricordate apprezzate ogni istante della vostra vita, anche i momenti brutti.

Prima di lasciarvi però ho intenzione di regalarvi una piccola playlist, e già... guardate che sono una nonnia tecnologica sa', sono capace anche di andare su facebook e skype ma che ne sapete voi, vabbè non dilunghiamoci, oddio cosa stavo dicendo? Ah si la playlist...ecco qui un piccolo regalo per voi, leggete e ascoltate...




CALENDARIO

Spero che questa tappa vi abbia incuriosito...quindi continuate a seguirci che ne scoprirete delle belle... sul blog Romance e altri rimedi infatti potrete andare in viaggio con Doris.

3 commenti

  1. Mi piace molto come hai strutturato questa tappa, bravissima!

    RispondiElimina
  2. Bellissima playlist, c'è poi il mio adorato Tiziano! Il libro mi ispira un casino, è da un pò che lo tengo d'occhio
    Luigi Dinardo ;)

    RispondiElimina

Powered by Blogger.