PAGINA 69 #47

Buon pomeriggio readers,
nuovo appuntamento con la Rubrica di Pagina 69 dedicata agli Autori Emergenti.  Oggi abbiamo come nostra ospiteun volto già noto di questa rubrica, Annalisa Arcoleo che abbiamo conosciuto insieme a "Runk. Una vita in trenta giorni" ora invece ci mostrerà la sua ultima opera "Il viaggio di Runk".

Pagina 69

Se sei un autore emergente e vorresti anche tu il tuo spazio nella Pagina 69 pui inviarmi il tuo materiale a gattolibraio@libero.it

Autore Emergente se ti sei appena sintonizzato sul mio blog, il giovedì è dedicato a te quindi scegli come vuoi avere un po' di visibilità (segnalazione o pagina 69) e invia un email a gattolibraio@libero.it con il libro 

Sia per la pagina 69 che per la segnalazione dovrai inviarmi il seguente materiale:
- Libro da segnalare
- Piccolo estratto a piacere del libro
- Biografia
- Foto autore/autrice o qualcosa che vi rappresenti

Avviso: Tutte le email sprovviste di questo materiale non saranno neanche prese in considerazione

Ricordo che la rubrica è stata ideata da Ornella di Peccati di Penna.
 
IL VIAGGIO DI RUNK - ANNALISA ARCOLEO

Genere: Narrativa
Editore: Augh!
Prezzo:  Cartaceo € 10,20
Pagine: 120
Uscita: 7 Marzo 2018

Runk sembra un robot giocattolo come molti altri ma a causa di un difetto di fabbrica viene subito scartato dai suoi costruttori. L'imperfezione è la sua fortuna poiché lo rende protagonista di un incredibile viaggio. Diventa una leggenda, custodito nella vetrinetta di un anziano collezionista e protagonista delle battaglie immaginarie dei bambini di una città della Sicilia. È un robot di New York e poi di Roma, vive esperienze che lo mettono in contatto con realtà differenti. Il viaggio di Runk è iniziato nel 1980 in parallelo a quello di Rock, altro giocattolo scartato in fretta. I due sono rivali solo nei giochi: condividono un animo curioso, ammirano la bellezza della natura e si interrogano sulle contraddizioni degli umani. Intuiscono che ci sia un legame tra gli elementi, che sfugge all'attenzione delle persone più superficiali ma che influenza ugualmente le loro vite. La loro presenza, silente ma significativa, diventa determinante nei destini di Mario e Anna. I robot hanno così la possibilità di scoprire il senso della propria esistenza e, soprattutto, che le persone di buon cuore sanno guardare al di là

ESTRATTO

“Runk si era prefissato come obiettivo di conoscere il più possibile, per capire il suo scopo. Ma non aveva messo in considerazione l'esistenza di fattori così disprezzabili e sentimenti così immeritevoli. Ha imparato anche i loro nomi: odio, male, cattiveria, egoismo, disprezzo. Solo alcune delle cause che scatenano la natura orribile che si cela negli esseri umani. Capaci di distruggere ciò che la Natura ha creato, capaci anche di annientarsi tra loro, e per cosa? Runk non aveva tutti i torti quando si era reso conto che gli esseri umani, ad eccezione dei bambini più piccoli, non guardano mai le stelle. Non le guardano perché aspirano a dominarle, ma sono troppo in alto e irraggiungibili, e quindi non degne di attenzione. Il cielo è messo lì e nessuno sembra accorgersene.”

ANNALISA ARCOLEO

Annalisa Arcoleo nasce a Palermo il 22 Luglio 1989.
Diplomata al liceo Classico Giovanni Meli nel 2008, si trasferisce a Roma per frequentare l’Accademia di Cinema e Televisione di Cinecittà ACT, in cui ottiene un diploma di Filmmaker con specializzazione in Regia e Sceneggiatura nel 2010. Durante i due anni di Accademia, oltre ai numerosi cortometraggi in cui prende parte come sceneggiatrice/regista/operatore di macchina, partecipa come assistente alla regia al Documentario dal titolo “Charles Moulin” di Enrica Orlando, che verrà proiettato al Festival di Casa Calenda. 

Tra il 2010 e il 2012 prede parte a due produzioni di 5StelleTV dal titolo “Anima Nera” e “Task Force”, e ad un cortometraggio spagnolo dal titolo “Ultimo Beso en Roma” della regista Carla Vadell, premiato presso Festival Cinematrografici in Italia e all’Estero.
Nel 2012 viene selezionata come filmmaker attraverso un concorso indetto da RAI: inizia un corso di formazione chiamato Rai Lab dalla durata di 1 anno, approfondendo il campo della regia, della scrittura televisiva e del giornalismo, sotto la supervisione di eccellenze quali Pippo Baudo.

Nel 2013 vince una borsa di studio per critica cinematografica presso la Scuola di Cinema Sentieri Selvaggi, dalla durata di 1 anno.
L’esperienza giornalistica iniziata nel 2010 a Palermo presso il giornale Utility Magazine, continua negli Stati Uniti grazie ad una collaborazione con il giornale World Bride Magazine con sede a New York, in cui è Contributor dal 2015. Questa esperienza le ha permesso di interfacciarsi con una realtà nuova, acquisendo meccanismi e modi di pensare diversi, oltre che il perfezionamento dell’inglese.   

Nel 2017 pubblica il suo primo romanzo “Runk – Una Vita in Trenta Giorni” con AlterEgo Edizioni.  
Amante di ogni genere letterario, predilige i romanzi e i fantasy. Gli studi cinematografici sono stati l’approccio con cui ha voluto comprendere la macchina cinema nella sua complessità: seguire un progetto dal suo inizio al suo sviluppo, cosa che reputa fondamentale – oltre che per la realizzazione dei progetti -  per le stesure delle recensioni cinematografiche. Tuttavia, la passione più grande è sempre rimasta la scrittura, sia in forma di sceneggiatura che di romanzo, e questa passione è sempre stata il motivo di ogni scelta di studio, di ogni lavoro e di ogni viaggio.
 La curiosità e l’interfacciarsi con più realtà possibili sarà sempre alla base di ogni racconto, poiché ogni idea scatta sempre con le parole di una persona, dalle loro e dalle nostre esperienze. Ciò che ci circonda è già un romanzo pronto per essere scritto, sta a noi avere la capacità di accorgercene e aggiungere quel pizzico di magia che rende la finzione narrativa così allettante.
Allora che cosa ve ne sembra? Vi ho incuriosito? Qui troverete sia il link d'acquisto per il primo e il secondo libro.


Nessun commento

Powered by Blogger.