5 COSE CHE...I 5 LIBRI PIU' VECCHI DELLA MIA LIBRERIA

Eccomi nuovamente qui,
per la fantastica rubrica del venerdì... vediamo un po' che libri troverete con l'appuntamento delle 5 COSE CHE...


Rubrica a cadenza occasionale ideata dal blog Twins Books Lovers con protagonisti i libri

PAPA' GAMBALUNGA


Judy sogna, ma sa che difficilmente i suoi desideri si avvereranno. Un giorno però all’orfanotrofio arriva un benefattore che, colpito dal suo talento nella scrittura, decide di aiutarla in cambio di una lettera al mese. Dell’uomo Judy ricorda solo la lunga ombra, e per questo inizia a chiamarlo “Papa Gambalunga”. A lui manda l’ironico resoconto delle sue giornate, senza mai riuscire a strappargli un incontro: chi si nasconde dietro il misterioso John Smith?
Che libro... ma soprattutto che cartone fantastico anche io mi sono innamorata di Papà Gambalunga

PINOCCHIO

Un classico della letteratura per ragazzi entrato a pieno titolo fra le grandi opere della letteratura italiana, attirando da decenni l’attenzione anche degli adulti. Pinocchio, il burattino ricavato da un pezzo di legno, è l’incarnazione dell’infanzia di ogni tempo: è portato a disubbidire ma anche a correggersi, può farsi influenzare dalle brutte compagnie ma ciò lo aiuta a distinguere fra il bene e il male, mente salvo pentirsene in seguito, fugge dal suo creatore salvo ritornarci e alla fine il senso della bontà e della giustizia prevalgono in lui e nel racconto. In fondo, come sosteneva Benedetto Croce, “il legno in cui è intagliato Pinocchio è l’umanità”.

Chi non ha mai fatto il tifo per Pinocchio nonostante le sue tante marachelle? Qual'era il vostro personaggio preferito? Ovviamente per me Figaro eheheh

FAVOLE AL TELEFONO

Le "Favole al telefono" di Gianni Rodari non conoscono il passare del tempo: i paesi visitati da Giovannino Perdigiorno, imprevedibile viaggiatore, la minuscola Alice Cascherina, i personaggi anticonformisti e gli eventi imprevisti, le dolcissime strade di cioccolato e i saporitissimi palazzi di gelato, i numeri paradossali e le domande assurde capaci di far riflettere il lettore costituiscono i punti di forza di quella inesauribile capacità di invenzione, che Gianni Rodari coniugava con la puntuale osservazione della realtà contemporanea all'insegna dell'eleganza, dell'ironia, della freschezza. Età di lettura: da 6 anni.

Non so per quale oscuro motivo ma alla Montessori, la mia scuola delle elementari, a quanto pare stafano in fissa per Gianni Rodari, così ho finito per comprare tutti i suoi libri ahahah
 
IL BIRICHINO DI PAPA'


Questo è un vero reperto storico...pensate che non sono riuscita a trovare neanche la trama ahahah
Ricordo ancora quando la mia nonnina me li regalerò... li ho proprio schifati perchè da piccola odiavo leggere eheheh e pensare che adesso ho un Blog di libri ahahah.

L'OMBRA DEL SILENZIO

 
David, orfano di padre, vive una infanzia felice con la madre, ma questa poi si risposa con il signor Murdstone, un uomo crudele che la porta alla tomba. Privo di affetti, David sperimenta la dura scuola del maestro Creakle. Il patrigno gli impone un lavoro avvilente in un negozio di Londra. Disperato fugge a piedi a Dover, dove una zia, Betsey, accetta di occuparsi di lui. Lo manda a Canterbury, per educarlo, in casa del suo avvocato, padre di Agnes, una dolce fanciulla. Divenuto cronista parlamentare e conquistata anche fama letteraria, David sposa Dora che pochi anni dopo muore. Il giovane allora si accorge della dolce Agnes che sposa, dopo aver salvato il futuro suocero dalle trame del suo amministratore.


Questo libro ci credete che ce l'ho in libreria da quando avevo forse tre anni ma che in realtà non l'ho mai letto? E si forse è proprio arrivato il momento di rispolverare un po' di classici.

Per questo appuntamento è tutto ci vediamo venerdì prossimo...

7 commenti

  1. Favole al telefono è stato il libro della mia infanzia; è sempre bello vederlo menzionato su qualche blog!

    RispondiElimina
  2. Li conosco tutti, tranne Favole al telefono che non conoscevo :) Di Papà Gamblunga, invece, servo un bellissimo ricordo :)

    RispondiElimina
  3. Abbiamo in comune "Pinocchio", la mia edizione è del 1971.

    RispondiElimina
  4. Papà Gambalunga devo assolutamente recuperarlo😍😍😍

    RispondiElimina
  5. Ciao Sonia, ma io dove ho messo tutti i libri di scuola? Mi ci state facendo pensare perché in libreria non li ho...devo fare una caccia al tesoro in cantina xD

    RispondiElimina
  6. Caspita non ne ho letto nemmeno uno...almeno Pinocchio devo recuperarlo!!

    RispondiElimina

Powered by Blogger.