FUMETTILANDIA: SONO SAKAMOTO, PERCHE'? DI NAMI SANO

Buon Pomeriggio readers,
siamo giunti quasi alla fine di questa giornata lavorativa ma prima di lasciarvi eccoci qui con un altro appuntamento in Fumettilandia...Fabiana oggi ci parlerà di un fumetto classificato come una commedia scolastica.


Sono Sakamoto, Perchè?
di Nami Sano

Genere: Manga Seinen
Editore: Edizioni BD
Serie: 4 volumi
Prezzo: € 24,60 (singoli € 5,01)


È appena iniziato l'anno scolastico e la matricola Sakamoto attira già l'attenzione di tutti, maschi e femmine. Sakamoto è un ragazzo che si comporta in modo sempre "figo", sia che aiuti i suoi compagni di classe o affronti i bulli che gli fanno dispetti per invidia, trova sempre il modo di cavarsela con classe e grazia.
Recensione


“SONO SAKAMOTO, PERCHE’?”
Ecco, “perché?” perché è  la domanda giusta!!!
Questi quattro volumi raccolti in un unico cofanetto edito dalla J-POP mi sono stati consigliati, nonché venduti, come quanto di più esilarante e divertente tra le nuove uscite del 2017…vi giuro che leggendoli non sono riuscita a fare neanche mezzo sorriso! 

Protagonista è ovviamente colui che da nome all’opera, Sakamoto, un giovane liceale che si contraddistingue dalla massa per la sua bellezza, intelligenza, sapienza, fascino,  in poche parole, per la sua perfezione.


Non c’è una vera e proprio trama, i quattro volumi si articolano in un alternarsi di storie e situazioni del vivere quotidiano, a volte paradossali e surreali, altre volte più serie, dove Sakamoto nella sua smisurata eccellenza riesce sempre a cavarsela in maniera esemplare.
Immagino che sia proprio la sua perfezione e l’approccio con il quale si pone davanti ai problemi a dover risultare comico e al tempo stesso affascinante ma, niente, su di me non ha avuto presa.
Non sono riuscita ad empatizzare con il protagonista anzi, volendomi sbilanciare ancora di più, ho trovato il suo personaggio fastidiosamente irritante. 


Sakamoto scusa, ma non ti ho proprio capito! 


Storia: 5/10
Disegni: 7/10


1 commento

  1. Sakamoto non è un personaggio con cui si deve empatizzare ;) O perlomeno, non è stato creato in modo da suscitare in noi le stesse sensazioni che genera nei suoi compagni di classe che cadono a poco a poco in ammirazione. E' semplicemente il "deus ex machina" della storia, l'anomalia che ne permette lo svolgimento, in breve. Diciamo che va visto così com'è ;)

    RispondiElimina

Powered by Blogger.