REVIEW PARTY: IL BAMBINO SILENZIOSO DI SARAH A. DENZIL

Buongiorno readers,
e buon inizio settimana...come avete passato questo week end? Qui a Roma sono state due giornate stupende sembrava quasi di stare in primavera. E' arrivato però il momento di presentarvi un thriller psicologico di cui ancora non riesco a trovare un aggettivo giusto...Fantastico? Meraviglioso? Eccezionale? Scopritelo leggendo la mia recensione del libro "Il bambino silenzioso" di Sarah A. Denzil edito Newton Compton.


Il Bambino Silenzioso
di Sarah A. Denzil

                                                       
Genere: Thriller
Editore: Newton Compton Editori
Prezzo: € 9,90 (ebook € 2,99)
Pagine: 322
Uscita: 29 Gennaio 2018

Nell’estate del 2006, Emma Price era lì quando fu ritrovato il cappotto rosso del suo bambino di sei anni, lungo il fiume Ouse. Fu la tragica storia dell’anno: il piccolo Aiden era sparito da scuola durante una terribile alluvione, era caduto nel fiume e poi annegato. Il suo corpo non fu mai ritrovato. Dieci anni dopo, Emma è riuscita finalmente a riacquistare un po’ di serenità. È sposata, incinta e le sembra di aver finalmente ripreso il controllo della sua vita quando… Aiden ritorna. Troppo traumatizzato per parlare, non risponde a nessuna delle infinite domande che gli vengono rivolte. Solo il suo corpo racconta la storia di una sparizione durata dieci lunghi anni. Una storia di ossa spezzate e ferite che testimoniano gli orrori che Aiden deve aver subito. Perché Aiden non è mai annegato: è stato rapito. Per recuperare il contatto con il figlio, ormai adolescente, Emma dovrà scoprire qualcosa sul mostro che glielo ha portato via. Ma chi, in una cittadina così piccola, sarebbe capace di un crimine tanto orrendo? È Aiden ad avere le risposte, ma ci sono cose troppo indicibili per essere pronunciate ad alta voce.
RECENSIONE

E se improvvisamente il vostro bambino scomparso da dieci anni e dichiarato ormai morto ritornasse nelle vostre vite? E' quello che succede ad Emma Price, una mamma giovane che per anni ha pianto la morte del figlio Aiden, annegato nel fiume Ouse durante una spaventosa alluvione. Dopo aver perso Aiden, i genitori in un incidente d'auto ed essersi allontata dal marito Rob, Emma si è completamente chiusa in se stessa. Nella sua vita poi arriva Jake, il professore d'Arte della sua vecchia scuola che piano piano, riesce a raccoglie i suoi e farla diventare una nuova persona. Ora Emma ha una casa, un lavoro, un nuovo marito, Jake, ed è in attesa di una figlia.
Da quel tragico 21 giugno del 2006 sono infatti passati dieci anni e ora Emma sta vivendo una nuova vita ma... la chiamata dell'ispettore capo Carl Stevenson la scombinerà nuovamente perchè Aiden, il suo bambino "morto" è in realtà vivo... non è mai annegato ma qualcuno invece, lo ha rapito e tenuto segregato per tutto questo tempo.
Aiden è il solo ad avere tutte le risposte legate al suo rapimento, peccato però che sia caduto in un mutismo traumatico. Da questo momento quindi ogni persona di Bishoptown può essere il colpevole!

"E' la grande tragedia della vita. Un attimo prima ogni cosa è perfetta, l'istante successivo il mondo è a brandelli, e solo a causa delle circostanze che accadono tutt'intorno a te"

Dire che questo Thriller psicologico mi sia piaciuto è dire poco... sono rimasta proprio piacevolmente sorpresa da Il bambino silenzioso. Infatti essendo i Thriller il mio genere preferito solitamente parto un po' prevenuta quando si tratta di autori sconosciuti ma Sarah A. Denzil mi ha convinta alla grande. La storia è scritta e condotta alla perfezione più volte mia ha portato ad una risoluzione quasi scontata per poi smontare tutto il teatrino creato e depistarmi nuovamente.
E' riuscita anche a trasmettermi quella giusta ansia e quell'irrefranabile voglia di venire subito a capo di tutto l'intrigo dietro alla sparizione di Aiden.

La suspense è stata palpabile in ogni capitolo letto e l'intera gamma di emozioni che ho provato durante la lettura di questo libro mi ha fatto capire e convincere che da adesso in poi, leggerò ogni libro della Denzil.
La storia è narrata tutta dal punto di vista di Emma e anche se viviamo il presente della storia, da alcuni interludi, si capisce che in realtà Emma ci sta raccontando come si sia svolta tutta la vicenda dal ritrovamento di Aiden alla sua rottura del silenzio.

"Era stato tutto per me, eppure quel tutto non era che una completa e assoluta menzogna."

Ovviamente non è la prima volta che leggo un romanzo con una storia del genere, non ci troviamo di certo di fronte a qualcosa di nuovo ma vi assicuro che non mi è mai capitato di leggere una storia così perfetta, inquietante e oscura al punto giusto, i colpi di scena poi sono stati tutti eclatanti. Questi sono i veri thriller psicologici che uno ha il piacere di leggere e di sperare che magari prima o poi vengano riportate sul grande schermo. Consiglio veramente a tutti di leggere Il bambino silenziono, vi assicuro che sarà una lettura imperdibili.


5 commenti

  1. Non ho mai letto thriller psicologici, quello che mi spaventa è la noia di leggere troppi pensieri del protagonista. Però adoro il tema trattato, ci farò un pensierino perché la tua recensione mi è piaciuta molto :D

    RispondiElimina
  2. questo si che è intrigante...

    RispondiElimina

Powered by Blogger.