BLOGTOUR: LA VITA DI PRIMA DI COLETTE MCBETH - 2° TAPPA

Buongiorno readers,
oggi ho veramente tantissime cose di cui parlarvi...due fantastici Blogtour e le due rubriche del martedì che ormai amo quasi quanto il www e le 5 cose che...
Quindi inizio subito presentandovi un fantastico thriller psicologico edito Piemme, che da oggi troverete in tutte le librerie e gli store digitali.


La vita di prima
di Colette McBeth

Genere: Thriller
Editore: Piemme
Prezzo: € 18,50 (€  9,99 ebook)
Pagine: 362
Uscita: 24 Ottobre 2017

Sei proprio sicura di aver cancellato ogni traccia di quella che eri?
Melody non è più quella di prima. Da quando, apparentemente senza motivo, un uomo l'ha aggredita in un parco di Londra, lasciandola tramortita, le sue giornate sono fatte di ricordo e paura. Adesso che è passato qualche anno, però, sembra che la ferita si stia lentamente rimarginando. Grazie anche a suo marito, al bambino che aspetta, agli amici che non hanno mai lasciato il suo fianco. Una vita tranquilla, confortevole, dalla quale Melody si è lasciata avviluppare per dimenticare la paura. Eppure, a volte è una vita che ha il sapore di una prigione.
Così, quando un'altra donna, Eve, viene aggredita in un altro parco, nello stesso identico modo, Melody decide di rimettere tutto in gioco. E, se non vuole continuare a vivere nella paura, dovrà scoprire chi si cela davvero dietro tutto quanto. Perché anche Melody stessa, nella sua vita di prima, ha più segreti di quanti chi le sta accanto possa immaginare. Ed Eve, anche se ora è morta, ha lasciato dietro di sé delle tracce che aspettano solo di essere seguite....
Recensione

Posso iniziare questa recensione con finalmente!!! Si Finalmente...finalmente un thriller intrigante e avvincente che mi ha fatto capire chi fosse il colpevole, solo quasi alla fine del libro.
Il mio entusiasmo è pari ad una bimba che ha appena ricevuto il suo regalo preferito ma credetemi, per una divoratrice di thriller come me, è sempre difficile imbattersi in un thriller fatto veramente bene, per fortuna che La vita di prima di Colette Mcbeth è stata questa grande sorpresa.

Melody è stata aggredita sei anni fa, apparentemente senza motivo, da David, il suo amico e vicino di casa. Lei però non si è mai ricordata nessun dettaglio di quella notte e David dal suo canto, si è sempre dichiarato innocente. Purtroppo però le prove trovate, hanno fin da subito ricondotto alla sua colpevolezza. Melody da quel giorno ha smesso di credere e fidarsi delle persone ma soprattutto ha smesso di vivere, rinchiudendosi nella casa costruita dal suo fidanzato.
Poi incontriamo Eve... che fin dal momento in cui ha incontrato David, rilasciato dopo aver scontato la sua pena, ha deciso di credere alla sua innocenza e di combattere per riscattarne il nome.
Eve inizia quindi ad indagare sulla notte dell'aggressione ma proprio quando si trova ad un passo dal risolvere il caso, viene ritrova morta, nello stesso parco in cui era stata ritrovata Melody agonizzante.
Ovviamente anche questa volta le accuse ricadranno tutte su David ma può David aver ucciso l'unica persona che credeva nella sua innocenza? Riuscirà invece questa volta Melody ad uscire fuori dal suo muro protettive e a capire cosa sia successo realmente quella notte?

Se ci crediamo tutti,
possiamo trasformare la bugia in realtà.

Con La vita di prima veniamo condotti abilmente dall'autrice in un vortice di colpi di scena, bugie e inganni. Ogni qualvolta che crederete di aver capito chi è il colpevole, l'autrice abilmente, distorcerà completamente la vostra realtà.
Noterete poi che ogni personaggio di questo libro, ha un ruolo estremamente importante, a partire da Sam, il ragazzo di Melody a Nat, l'amico gay di Eve. Tramite loro infatti saranno mossi i fili di questa rete piena di intrighi.
La narrazione sarà accompagnata da i tre personaggi principali, Melody, il detective Victoria Rutter e Eve.
Nonostante siano personalità completamente diverse, ricordo che Melody essendo una sopravvissuta, vive ormai segregata in casa, Eve è morta e Victoria si occupa delle indagine, le strade delle tre donne si uniranno fino a condurci alla verità.

L'autrice gioca molto anche con la nostra psiche, La vita di prima è infatti, fino a prova contraria, un thriller psicologico, in cui capitolo dopo capitolo, il lettore viene messo alla prova con qualche indizio relativo al prologo iniziale, alla misteriosa morte di Eve o l'aggressione di Melody. 
I personaggi femminili, nonchè le protagoniste, le ho trovate tutte ben caratterizzate, molto reali... ma anche le figure maschile, che vengono secondo me messe appositamente in secondo piano dall'autrice, hanno dato il giusto apporto alla trama.


E proprio grazie alla forte presenza femminile, anche se è un thriller, l'autrice ha voluto lanciarci chiari messaggi...
Attraverso i pensieri di Eve infatti vediamo, come nel momento della morte, ci si rende conto del tempo perso in futilità o dei momenti rimandati. Con Melody viene sottolineato come la vita di alcune donne, venga spesso controllata, anche incosapevolmente, dai propri compagni e per finire la detective Rutter, è il classico esempio di una donna in carriera che, pur cercando di mantenere il giusto equilibrio tra casa / lavoro, si vede passare davanti troppo rapidamente la propria vita.

Che altro dirvi se non che nel complesso, La vita di prima è stata una lettura ottima, un thriller psicologico, teso e intrigante che, anche se nella parte centrale ha perso un po' di ritmo, ha tenuto sempre alto il mio grado di attenzione.
CALENDARIO

Se ancora non vi siete convinti a leggere questo libro allora continuate a seguire le tappe di questo Blogtour, vi daranno la possibilità di scoprire tantissime altre curiosità relative a La vita di prima di Colette Mcbeth.


Nessun commento

Powered by Blogger.