venerdì 23 giugno 2017

BLOGTOUR: LA RAGAZZA DELLE CILIEGIE DI LAURA MADELEINE - 3° TAPPA

Sono cotta...
ma non a causa del caldo perchè qui in ufficio, grazie all'aria condizionata, si sta divinamente... per la stanchezza. Ci credete che sto facendo fatica a tenere gli occhi aperti? Per fortuna che oggi è venerdì e non mi stancherò mai di ripeterlo!
E' arrivato il momento di parlarvi di un libro dalla trama veramente molto curiosa, non so voi ma io adoro questi intrecci che passano dal presente al passato... Quindi vi presento La ragazza delle ciliegie di Laura Madeleine edito Piemme.



La ragazza delle ciliegie
di Laura Madeleine
Genere: Historical Fiction
Editore: Piemme
Prezzo: €18,50 (ebook € 6,99)
Pagine: 331
Uscita: 20 Giugno

Inghilterra, 1919. La guerra è finita da poco, ma la sua fine non sembra aver portato la pace nel cuore della giovane Emeline Vane. In quell'anno, infatti, Emeline, diciannove anni e volontà di ferro, scompare, lasciandosi dietro il fratellino per cui pure provava un amore sconfinato. Cinquant'anni dopo, Bill Perch è un giovane avvocato a cui viene chiesto di provare legalmente la morte della signora Emeline Vane, unico modo perché i suoi due nipoti possano finalmente ereditare la tenuta nel Norfolk appartenuta alla zia. È così che Bill parte per Hallerton; lì, si ritrova tra le mani le pagine sottili e consunte di un vecchio diario, quello che la ragazza aveva scritto prima della sua scomparsa. Una storia che spezza il cuore, tanto che il giovane avvocato decide di scoprire tutta la verità sulla vita di Emeline, invece di limitarsi a cercare prove della sua morte. La sua ricerca lo condurrà al sud, nella Francia meridionale, in un incantevole paesino dei Pirenei, Cerbère. Scoprirà che lì, nel posto dove crescono le ciliegie, Emeline aveva ritrovato la voglia di assaggiare la vita e viverla fino in fondo...
Un delizioso romanzo che unisce amore, nostalgia, cucina e voglia di fuga, in una storia che intreccia mirabilmente presente e passato, e riesce a farci sognare a occhi aperti
AMBIENTAZIONE DEL PRESENTE
LA FRANCIA DEL 1969

Bill deve accertare legalmente la morte di Emeline Vane ma, incuriosito da un suo vecchio diario, decide di scoprire tutta la verità sulla vita di Emeline partendo per la Francia meridionale, in un incantevole paesino dei Pirenei, Cerbère.






















Ci troviamo nel 1969 la Francia, come del resto tutta l'Europa, fa ancora fatica a risollevarsi dopo la fine della seconda guerra mondiale.
Dal punto di vista politico, verso la fine di Aprile, a seguito dei risultati del referendum sulla riforma del senato e la regionalizzazione, Charles De Gaulle si dimette dalla carica di presidente.
La Francia vive un momento di stallo finchè a giugno, viene eletto Georges Pompidou.
E' arrivato però il momento di risollevare le sorti del paese soprattutto grazie alle innovazioni tecnologiche. Ed è proprio dalla Francia che fa il suo primo volo il Concorde, un aereo da trasporto supersonico prodotto dal consorzio anglofrancese, raggiungendo per la prima volta Mach 2.
A Cerberè la vita è molto più semplice e lineare rispetto alla capitale Francesce ed è qui che Emeline, sembra essersi rifuggiata per un lungo periodo.
Da Cerbère a Mentone correva il vallo Mediterraneo, una linea difensiva nazista costruita a difesa della costa francese durante la seconda guerra mondiale. 
È l'ultima città francese sul mar Mediterraneo prima del confine con la Spagna (località di Portbou), dalla quale lo divide il Colle del Balistres.
Oggi Cerberè è nota anche per il faro di Cap Cerbère, l'ultimo faro della costa mediterranea francese prima del territorio spagnolo, posto su un promontorio nel comune di Cerbère. E' noto anche con il nome di "faro solare". 

CALENDARIO

Sperando che anche questa tappa sia stata utile ad attivare la vostra curiosità sul libro, vi ricordo di continuare a seguirci perchè il Blogtour non finisce qui. Prossima tappa sul Blog La Stamberga d'inchiostro



Nessun commento:

Posta un commento