giovedì 4 maggio 2017

PAGINA69 #15

Buongiorno readers,
oggi ho il piacere di iniziare la giornata, dedicandomi subito agli Autori Emergenti.
Sapete quanto amo scoprirli e molti di loro mi hanno dato la possibilità di conoscere libri fantastici.
Nella Rubrica di "Pagina 69" quindi, ci farà compagnia Annalisa Arcoleo e il suo libro d'esordio "RUNK. Una vita in trenta giorni.

Se sei un autore emergente e vorresti anche tu il tuo spazio nella Pagina 69 pui inviarmi il tuo materiale a gattolibraio@libero.it

Autore Emergente se ti sei appena sintonizzato sul mio blog, il giovedì è dedicato a te quindi scegli come vuoi avere un po' di visibilità (segnalazione o pagina 69) e invia un email a gattolibraio@libero.it con il libro 

Sia per la pagina 69 che per la segnalazione dovrai inviarmi il seguente materiale:
- Libro da segnalare
- Piccolo estratto a piacere del libro
- Biografia
- Foto autore/autrice o qualcosa che vi rappresenti

Avviso: Tutte le email sprovviste di questo materiale non saranno neanche prese in considerazione

Ricordo che la rubrica è stata ideata da Ornella di Peccati di Penna.
 
RUNK. Una vita in trenta giorni - ANNALISA ARCOLEO

Data di uscita: 28 aprile 2017
Genere: Narrativa Contemporanea
Prezzo: 10,20

Mario Galanti ha trentacinque anni e tra trenta giorni, stando a quanto gli ha detto un bambino che gli è apparso in sogno, morirà. In preda al panico e vittima dello sconforto più totale, decide di dare una svolta alla sua vita, per troppo tempo avvolta dagli stessi toni cupi del suo completo da lavoro. Inizia a scrivere un libro e stila una lista di cose da fare prima della sua "data di scadenza". Tra queste: licenziarsi, dichiarare il suo amore ad Anna, sposarla, imparare l'inglese e fare il bagno al mare, di notte. Mano a mano che i giorni passano, Mario impara a vivere con leggerezza, godendosi l'attimo, e riesce brillantemente a migliorare non solo la propria esistenza, ma anche quella delle persone che lo circondano, dispensando consigli e lezioni di pragmatica su come vincere, finalmente, le fobie che attanagliano ciascun essere umano.

Il protagonista è un uomo molto semplice, non ha sogni particolarmente irrealizzabili nel cassetto, vorrebbe semplicemente farsi rispettare, vivere la vita invece di sopravvivere e realizzare quello che tutti noi vogliamo: un lavoro di cui essere fieri e contenti, la donna che amiamo al nostro fianco, famiglia e amici. Non sono richieste particolari, ma purtroppo spesso non lottiamo per ciò che vogliamo perché inconsapevoli di non essere eterni. Ce ne dimentichiamo, crediamo di avere più tempo e lasciamo che le giornate passino tutte uguali. Mario vuole essere di esempio per quelle persone che un giorno leggeranno i suoi appunti che, una volta sistemati e trasformati in libro, potrebbero far capire alle persone quanto poco tempo abbiamo, e quanto la vita vada vissuta adesso.
 


“Credo che sapere quando morirai ha i suoi vantaggi. Ti rende consapevole del fatto che il tuo tempo è limitato: un invito a pranzo da tua mamma in un giorno qualunque potrebbe essere una seccatura; insomma, siamo sempre così presi dalle nostre cose da fare, chi ha il tempo di passare una giornata con delle persone anziane che magari ti fanno innervosire se ripetono sempre le stesse cose o se ci mettono troppo a fare tutto? Eppure un giorno capirai quanto prezioso era quel momento passato con loro, e faresti di tutto per poter tornare indietro e passare anche un solo minuto come quelli. Perché siamo così incoscienti quando si tratta di vivere e apprezzare il presente? Lo posso fare un altro giorno, no? No. Perché senza la consapevolezza che il nostro tempo è limitato, rimandi e rimandi e rimandi. E poi magari le condizioni cambiano, o peggio non ne hai più la possibilità.”

BIOGRAFIA

ANNALISA ARCOLEO nasce a Palermo il 22 Luglio 1989.

Diplomata al liceo Classico Giovanni Meli nel 2008, si trasferisce a Roma per frequentare l’Accademia di Cinema e Televisione di Cinecittà ACT, in cui ottiene un diploma di Filmmaker con specializzazione in Regia e Sceneggiatura nel 2010. Durante i due anni di Accademia, oltre ai numerosi cortometraggi in cui prende parte come sceneggiatrice/regista/operatore di macchina, partecipa come assistente alla regia al Documentario dal titolo “Charles Moulin” di Enrica Orlando, che verrà proiettato al Festival di Casa Calenda.

Tra il 2010 e il 2012 prede parte a due produzioni di 5StelleTV dal titolo “Anima Nera” e “Task Force”, e ad un cortometraggio spagnolo dal titolo “Ultimo Beso en Roma” della regista Carla Vadell, premiato presso Festival Cinematrografici in Italia e all’Estero.

Nel 2012 viene selezionata come filmmaker attraverso un concorso indetto da RAI: inizia un corso di formazione chiamato Rai Lab dalla durata di 1 anno, approfondendo il campo della regia, della scrittura televisiva e del giornalismo, sotto la supervisione di eccellenze quali Pippo Baudo.
Nel 2013 vince una borsa di studio per critica cinematografica presso la Scuola di Cinema Sentieri Selvaggi, dalla durata di 1 anno.

L’esperienza giornalistica iniziata nel 2010 a Palermo presso il giornale Utility Magazine, continua negli Stati Uniti grazie ad una collaborazione con il giornale World Bride Magazine con sede a New York, in cui è Contributor dal 2015. Questa esperienza le ha permesso di interfacciarsi con una realtà nuova, acquisendo meccanismi e modi di pensare diversi, oltre che il perfezionamento dell’inglese. Amante di ogni genere letterario, predilige i romanzi e i fantasy. Gli studi cinematografici sono stati l’approccio con cui ha voluto comprendere la macchina cinema nella sua complessità: seguire un progetto dal suo inizio al suo sviluppo, cosa che reputa fondamentale – oltre che per la realizzazione dei progetti - per le stesure delle recensioni cinematografiche. Tuttavia, la passione più grande è sempre rimasta la scrittura, sia in forma di sceneggiatura che di romanzo, e questa passione è sempre stata il motivo di ogni scelta di studio, di ogni lavoro e di ogni viaggio. La curiosità e l’interfacciarsi con più realtà possibili sarà sempre alla base di ogni racconto, poiché ogni idea scatta sempre con le parole di una persona, dalle loro e dalle nostre esperienze. Ciò che ci circonda è già un romanzo pronto per essere scritto, sta a noi avere la capacità di accorgercene e aggiungere quel pizzico di magia che rende la finzione narrativa così allettante.

Allora che cosa ve ne sembra? Vi ho incuriosito? Se volete potete acquistare il suo libro direttamente dal link qui sotto.

5 commenti:

  1. La storia è molto interessante e adoro la cover. L'estratto promette molto bene, sono curiosa di sapere da dove viene il titolo XD

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Ophelie!
      Ti ringrazio per i complimenti :) Runk è il nome del giocattolo che vedi in copertina, anzi per l'esattezza è il giocattolo di uno dei personaggi del libro (e non svelo altro xD). Il fatto che sia un robottino richiama alla prima parte del libro, in cui il protagonista Mario Galanti vive la sua vita in modo quasi automatico, con giornate tutte uguali.
      Grazie ancora per il commento e sono qui se hai altre curiosità!

      Annalisa

      Elimina
  2. Ciao! Scusami se ti scrivo qui, ma sto cercando di contattare un po' tutti i miei follower e non ho ancora trovato un sistema più facile e rapido. xD
    Sul mio blog ultimamente ci sono stati un po' di cambiamenti, e il risultato è che chi mi seguiva non vede più i miei aggiornamenti. Se ti interessa e ti fa ancora piacere seguirmi, qui spiego tutto: http://tbs-thebookseeker.blogspot.it/2017/05/comunicazione-di-servizio-mannaggia-ai.html

    Grazie in ogni caso, e scusami per il disturbo! 😟

    RispondiElimina
  3. La trama è molto interessante e questo piccolo estratto mi ispira moltissimo...
    Lo aggiungo alla lista dei libri che vorrei leggere!
    Un bacio grande

    Nuovo post sul mio blog!
    Ti aspetto da me se ti va!
    http://lamammadisophia2016.blogspot.it

    RispondiElimina