RECENSIONE: 9 NOVEMBRE DI COLLEEN HOOVER

Buongiorno readers,
oggi è già mercoledì non siete contenti? Vuol dire che metà settimana già ce la siamo lasciata alle spalle e io sono molto felice di questo visto che il Bookcity si avvicina...
Quindi ripetendo...oggi è mercoledì giusto? Che giorno? 9 NOVEMBRE... Cosa vi fa ricordate questa data? Non vi preoccupate non si tratta di nessuna ricorrenza storica, oddio se pensiamo che le elezioni americane sono state vinte da Donald Trump forse sarà una data da dimenticare... ma questo giorno io personalmento lo ricorderò per un libro, un libro che per la prima volta mi ha fatto versare delle lacrime...
Di che libro sto parlando?

9 NOVEMBRE
di Colleen Hoover
                                               
Genere: Romance
Editore: Leggereditore
Prezzo: € 14,90 (ebook € 6,99)
Pagine: 308
È il 9 novembre quando, durante un pranzo con il padre, Fallon incontra Ben per la prima volta. È un giorno speciale per lei, non solo perché sta per trasferirsi da Los Angeles a New York, ma anche perché ricorre l’anniversario dell’evento che ha segnato per sempre la sua vita, il terribile incendio che le ha lasciato cicatrici su gran parte del corpo, impedendole di continuare la sua carriera da attrice. Contro ogni previsione, la conoscenza tra i due si trasforma subito in qualcosa di più, ma Fallon sta per partire e sembra esserci tempo solo per il rimpianto. Come per strappare al destino quell’inevitabile separazione, Ben le promette allora che scriverà un romanzo su di loro, proponendole di ritrovarsi il 9 novembre di ogni anno, fino a che non ne compiranno ventitré. È così che ogni 9 novembre i due protagonisti aggiungono un nuovo capitolo alla loro storia, finché qualcosa non arriva a sconvolgere le loro promesse e a mettere alla prova i loro sentimenti, tra i dubbi di Fallon e le mezze verità di Ben.
Recensione

Secondo voi si può piangere per un libro? Con i film o i cartoni animati devo dire che mi è successo spesso, ma con un libro... con della carta semplicemente scrtta, non mi era mai capitato, finchè sulla strada dell'emotività è capitata la Hoover con il suo ultimo libro, 9 Novembre.
Non so cosa mia sia scattato ma più entravo in sintonia con la storia e i protagonisti e più passava dall'essere felice e divertita all'essere triste e arrabbiata. Che dire quindi un esplosione di emozioni tutte contrastanti tra di loro...
Il romanzo gira intorno a due protagonisti, Ben e Fallon, due ragazzi che apparentemente sembrano non avere niente in comune ma che in realtà entrambi sono ricoperti da cicatrici, chi visibili come Fallon, chi interne come Ben.

 «Una delle cose che cerco di non dimenticare mai è che
tutti noi abbiamo delle cicatrici» mi dice.
«Molti ne hanno di peggiori rispetto alle mie.
L’unica differenza è che le mie sono visibili, mentre quelle della maggior parte della gente non lo sono.»

Fallon è un'attrice sedicenne promettente ma è costretta molto presto ad uscire di scena a causa di un incidente che gli ha procurato ustioni in quasi tutta la parte sinistra del corpo, che purtroppo, soprattutto nel mondo dello spettacolo, è quello a contare. Da quel fatidico 9 novembre anche il rapporto con il padre si è inclinato, Fallon infatti lo ritiene colpevole di essersi dimenticata di lei mentre la casa andava in fiamme.
Ma proprio durante l'anniversasio di quel fatidico 9 novembre, a poche ore dalla sua partenza per New York, mentre si trovava in un ristorante con il padre, Fallon fa la conoscenza di Benton James Keller.
Ben è un personaggio che impareremo a conoscere piano piano, infatti mentre di Fallon apprendiamo subito ogni cosa, anche gli stati d'animo più profondi, di Ben inizialmente sappiamo solo che è un aspirante "scrittore" alle prime armi e che proprio grazie a questa scusa, riuscirà a convincere Fallon, che odia tantissimo gli Istant Love,  ad incontrarla ogni 9 novembre per cinque anni.
In questi cinque anni non si dovranno mai sentirsi e ognuno avrà un suo compito, Ben quello di scrivere il loro libro, intitolato indovinate? 9 Novembre e Fallon a ritornare a recitare e quindi a riavere fiducia in se stessa e nelle sue capacità.
«Ma se uno dei due si innamorasse di qualcun altro?» chiede Ben.
«Non rovinerebbe il libro se non finissimo insieme?»
«Che la coppia finisca o meno per rimanere insieme, non è questo che determina se il romanzo avrà un lieto fine oppure no.
L’importante è che i due siano felici, non che lo siano insieme.»

E ogni anno riusciremo a scoprire quel qualcosa in più che riguarda Ben fino ad arrivare alla sconvolgente verità che vi farà aprire i rubinetti, metaforicamente infatti mi viene quasi naturale associare questo libro ad una cipolla più si apre e più si piange ahahh.

Chiunque abbia affermato che la verità fa male era ottimista:
la verità è una straziante figlia di puttana.

L'alternanza nella narrazione ci fornisce sempre entrambi i punti di vista, in modo da sapere costantemente quello che stanno provando entrambi i personaggi.
Posso dire poi di essermi fatta grosse risate e una bella cultura sulle spiegazioni che l'autrice, attraverso Ben e Fallon, da sugli instalove o sui comportamenti dei ragazzi Alfa.
Anche se è il secondo libro che leggo della Hoover, posso dirvi con certezza che io "amo" questa autrice e trovo la sua scrittura veramente intensa...in questo libro poi troverete tutto: divertimento, tristezza, agonia, amore, sofferenza, sensualità e mistero insomma una miriade di emozioni e avvenimenti che spesso bisogna trovarli in più libri e che invece qui è racchiuso in unico volume, anzi in un unico giorno 9 NOVEMBRE.


Non posso e non voglio dire altro, perchè qualsiasi cosa aggiunga sicuramente non renderebbe giustizia al romanzo ma soprattutto non riuscirei a spiegarvi bene la sua grande, il suo trasmetterti: "Ehi non fermarti mai davanti all'apparenze guarda sempre oltre che quell'oltre poi riuscirà sempre a sorprenderti in positivo" quindi l'unica cosa che posso dirvi è: questo libro è un DLA e se volete scoprire a cosa mi riferisco...leggete il libro.

5 commenti

  1. Va bene Sonia, esco dal lavoro e volo in libreria xD

    RispondiElimina
  2. oddio...dovrò preparare i fazzoletti!! Ma voglio assolutamente leggerlo , poi se lo consigli tu con questa bella recensione è un dovere leggerlo!*w*
    Se alla fine della lettura avrò bisogno di sostegno morale, inizierò a riempirti di messaggi #sappilo ! <3

    RispondiElimina
  3. Devo dire che nonostante ami tantissimo la Hoover, 9 Novembre mi ha un po' deluso...con la sua magnifica scrittura avrebbe potuto uscire dai soliti cliché e dare più realtà alla storia, in parole povere, avrei voluto un altro finale.. Non posso dire niente sennò verrei lapidata per spoiler..

    RispondiElimina
  4. Io sono molto emotiva e solitamente piango per qualsiasi cosa...libri, film, canzoni, pubblicità, case e fogli di giornale ma leggendo questo romanzo ho praticamente bevuto le lacrime XD Per me è uno dei libri più belli letti recentemente ❤️️

    RispondiElimina

Powered by Blogger.