giovedì 14 aprile 2016

Pagina 69 #13

Yes Yesssss!!! Finalmente è finita anche questa giornata e il week end si avvicina sempre di più yuppi!!!
Eccomi qui anche oggi con la Rubrica della pagina 69, rubrica molto carina che da un po' più di visibilità ai nostri autori emergenti...quindi tu lettore se sei un autore emergente, mandami la tua pagina 69 che ti "metto" in Rubrica  ^_^

Rubrica a cadenza settimanale (GIOVEDI') ideata da Ornella di Peccati di Penna in cui sarà dato spazio agli autori emergenti
  • prendete un libro di un autore emergente ancora da leggere
  • scrivere la pagina 69 (pagina 69 che vedo sul mio dispositivo)
  • scrivere titolo e autore per chi fosse interessato a leggere il libro
  • aspettate i commenti

LE COSE DELL' OROLOGIO - MARIO BORGHI

Titolo: Le cose dell'Orologio
Autore: Mario Borghi
Editore:
Rogas - Collana Bandini
Genere: Narrativa
Prezzo: Cartaceo € 11,00
Pagine: 112

Una governante, un capostazione, la battagliera signorina Piccionetti, innamorata segretamente del maresciallo dei Carabinieri, un meccanico disonesto e altri personaggi – e circostanze – all’apparenza stravaganti: ecco chi e cosa ruota attorno alla confessione, forse inverosimile, forse no, di chi ha deciso di rubare l’orologio di una stazioncina ferroviaria, senza però aver tenuto conto del proprio passato. Tutta gente che mette in atto le proprie aspirazioni a prescindere dalle conseguenze; persone che non riescono a resistere alle proprie manie. Una storia grottesca, con un pizzico di filosofia spicciola, dalle tante verità.

Attese il mio ”ok” di risposta.
Mentre aspettava l’arrivo degli ospiti immaginari, accese il suo portatile e cercò la cronologia della chat che da circa due mesi intratteneva con Bruno – stavolta una persona vera – e la stampò, completa di foto. Foto hard, ovviamente, ottenute fingendosi una trans portoricana da poco in Italia, anche grazie all’aiuto del suo amico Eugenio, in arte Trilly, drag queen, che qualche volta lo contattò al telefono e in web cam per fugare ogni dubbio. Riuscì a ampare tutto in cinque fogli, li piegò e li chiuse dentro una busta già affrancata, sulla quale incollò un’etichetta con il nome e l’indirizzo della moglie di Bruno. Uscì di nuovo per andarla a imbucare, stette fuori solo pochi minuti, poi rientrò per gli ultimi preparativi del dopocena.
Bruno era un mediocre psicologo. Lo aveva conosciuto casualmente quando decise di rivolgersi a uno specialista al quale chiedere un consulto in merito ad alcune sue considerazioni. Cercò su internet e si affidò speranzosa al primo trovato, uno di Milano. Si era preparata un bel discorso, e glielo sciorinò tutto d’un fiato non appena mise piede nel suo studio.



Sono nato a Sanremo (IM) il 19 luglio 1964, dal 1989 abito a Ozieri, un paesino in provincia di
Sassari. Tento di sopravvivere facendo l’imprenditore edile, sono sposato e ho una figlia nata nel 1993.
Mi piace l’arte in ogni sua forma, leggo moltissimo (collaboro anche come lettore/valutatore volontario con alcune realtà letterarie e sono tra i fondtori della S.P.E.C.T.R.E. – un insieme di lettori volontari da un’idea di Loredana Lipperini) e a volte tento di scribacchiare qualcosa. Alcuni miei racconti appaiono su varie antologie sparse per il mondo. Ho scritto due pezzi teatrali - L’abbonamento alla TV e Gli opinionisti – che sono stati rappresentati diverse volte in alcuni teatri
off di Roma. Ho tenuto alcuni corsi di scrittura creativa, ho curato la pubblicazione di alcune antologie e ho
presentato diversi libri.
Ho un lit-blog assolutamente inutile all’indirizzo: www.stranoforte.weebly.com e gestisco l’agenzia seria) di servizi letterari PB Servizi Editoriali (www.pbervizieditoriali.eu). Le cose dell’orologio è il mio primo romanzo, edito da Rogas Edizioni di Roma. Ho scritto, prima che chiudesse, sul canale cultura del portale Tiscali e collaboro con il giornale online Sassari City, di Luca Losito. Sono abbastanza irriverente e anche un po’ – ma proprio poco – egoista e altrettanto cialtrone.
Tutto il resto, per me, è solo fuffa.

Cosa ne pensate? Qualcuno lo ha già letto?

4 commenti:

  1. Ciao! Non conoscevo questo libro... bella, comunque, l'idea della pagina 69! Da quello che si può leggere, la scrittura sembra scorrevole :-)

    RispondiElimina
  2. Letto tutto d'un fiato, grazie per il consiglio! Una storia surreale e solo all'apparenza divertente o, meglio, che con il pretesto dell'ironia racconta di persone e di fatti in cui credo molti si riconosceranno, me compresa. Una storia complessa raccontata con uno stile leggero e semplice. 10 per originalità.
    Questa rubrica è geniale.
    Silvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Silvia mi fa proprio piacere di averti consigliato qualcosa di carino ^_^
      Grazie ancora per i complimenti e a questo punto alla prossima puntata di Pagina 69 ;-)

      Elimina