martedì 26 gennaio 2016

SEGNALAZIONE PROGETTO EDITORIALE DI EILAN MOON

 
E se Jack lo Squartatore fosse stato solo una vittima?
Non sempre le cose sono come appaiono. Nell’oscurità dell’animo umano si celano verità terribili…



L’ispettore Frederick Abberline è un uomo consumato dal fallimento di non essere riuscito ad arrestare il crudele assassino, Jack lo Squartatore, il mostro di Londra. Ormai non si reca nemmeno più a casa dalla moglie pur di lavorare a questo caso che si sta trasformando in una vera e propria ossessione.
Un plico contenente delle lettere misteriose potrebbe essere la svolta che stava aspettando. Si comprende molto bene che a scriverle è una persona folle e squilibrata, il lessico e la punteggiatura denotano una mente psicotica, ma l’ispettore pensa di essere vittima di uno scherzo o di qualcuno che emula le azioni del mostro di Londra.
Ogni lettera, dalla più breve alla più lunga, contiene i pensieri di morte, di senso di colpa e frustrazione di un uomo malato che cerca invano il perdono e che incolpa la propria madre per la persona senza anima che è diventato. Mentre descrive gli omicidi, Jack lo Squartatore è crudele e spietato ma, al tempo stesso, da quelle sue parole emerge un animo confuso e sofferente.
Dopo il ritrovamento del cadavere di Montague John Druitt, l’ispettore si ricrede e inizia a indagare meglio su ciò che ha letto in quelle lettere perché per lui la caccia allo Squartatore è appena iniziata, ma non sa ancora che quell’uomo si è ripromesso di non fare più del male a nessuno e soprattutto non è a conoscenza che, al fianco del mostro di Londra, c’è una giovane donna innamorata che farà di tutto per salvare un uomo pentito.
Questo è il nuovo progetto editoriale di Eilan Moon, un romanzo tra lo psicologico e il noir che vedrà protagonista proprio, il già famoso, Jack lo Squartatore.
Epistole Sporche di Sangue (titolo provvisorio) è al centro di un programma di crowdfunding editoriale, un nuovo modo di pensare l’editoria, dove sono proprio i lettori a decidere quali siano i romanzi meritevoli di pubblicazione. Come? Semplice. Il lettore avrà a disposizione la trama e l’anteprima del romanzo (prime dieci / venti pagine) e dopo la lettura potrà decidere se, secondo lui, quel libro DEVE essere pubblicato oppure no. Attraverso la prenotazione di una copia del futuro romanzo o di un pacchetto promozionale che può comprendere più copie, l’accesso alle bozze, la serata o la presentazione con l’autrice, il lettore diventa a tutti gli effetti un sostenitore del progetto. La pratica del crowdfounding è molto diffusa in America e anche in altri settori come quello musicale o cinematografico.

Quindi è arrivato il momento di sostenere Eilan Moon presso il mondo editoriale italiano!

Se vi  piacerà quello che leggerete in anteprima, allora potrete supportare l'autrice prenotando una o più copie del libro (per voi ma anche per i vostri regali) e, se si raggiunge il gol fissato da bookabook, il libro verrà pubblicato direttamente da bookabook oppure da una Casa Editrice Major italiana.
Per prenotare la vostra copia, dovrete inserire le generalità, scegliere il pacchetto promozionale che preferite e inserire i dati di pagamento con carta di credito.
L’importo da voi scelto non sarà addebitato sino alla fine della campagna (Giugno 2016) e solo se il romanzo otterrà il raggiungimento del Gol! Noi lettori non rischiamo assolutamente nulla e, al momento, non ci verrà detratto niente dal nostro conto.
Questo è il link: romanzo di Eilan Moon

Leggete, commentate (se vi va) e per leggere come andrà a finire la storia prenotate almeno una copia digitale del romanzo (5 €)!

L’anteprima


Eilan MoonEilan Moon nasce a Milano nel 1980, dopo la maturità classica e un breve corso come correttrice di bozze, inizia a lavorare nel commercio. Fondatrice del lit-blog collettivo “Storie di notti senza luna”, collabora come articolista (recensioni letterarie e rubriche) per We Smile Magazine. Madre di un bellissimo monello di sei anni, autrice versatile, appassionata di romanzi horror, gotici, urban fantasy e distopici, si definisce una cantastorie perché non può tenere la bocca chiusa e non è in grado di smettere di raccontare con l'inchiostro ciò che le passa per la testa. Ha pubblicato in self i primi due romanzi della serie gotica “R.I.P.” e l’urban fantasy “Teufel, il Diavolo” scritto con la collaborazione della sociologa Antonella Ghidini.

Nessun commento:

Posta un commento