lunedì 9 novembre 2015

Raccomandation Monday #7

Dopo la recensione che ha aperto la mattinata ecco la rubrica del lunedì, che ricordo sempre, è stata ideata dal blog Una fragola al giorno

                               Consiglia un libro d'epoca Vittoriana


Diciamo che con il periodo Vittoriano che tocca quasi un secolo dal 1837 al 1901 sono tanti gli autori con i rispettivi libri che potrei consigliarvi, ma visto che manca un mese a Natale e tra poco i negozi inizieranno a deliziarci con le solite canzoncine natalizie...vi propongo il CANTO DI NATALE di Charles Dickens

Il Canto di Natale (A Christmas Carol), noto anche come Cantico di Natale, Ballata di Natale o Racconto di Natale, è un romanzo breve di genere fantastico del 1843 di Charles Dickens (1812-1870), di cui è una delle opere più famose e popolari. È il più importante della serie dei Libri di Natale (The Christmas Books), una serie di storie che include anche Le campane (The Chimes, 1845), Il grillo del focolare (The Cricket on the Hearth, 1845), La battaglia della vita (The Battle for Life, 1846) e Il patto col fantasma (The Haunted Man, 1848).
Il romanzo è uno degli esempi di critica di Dickens della società ed è anche una delle più famose e commoventi storie sul Natale nel mondo. Narra della conversione dell'arido e tirchio Ebenezer Scrooge visitato nella notte di Natale da tre spiriti (il Natale del passato, del presente e del futuro), preceduti da un'ammonizione dello spettro del defunto amico e collega Jacob Marley. Il Canto unisce al gusto del racconto gotico l'impegno nella lotta alla povertà e allo sfruttamento minorile, attaccando l'analfabetismo: problemi esasperati apparentemente proprio dalla Poor Law (Legge contro la povertà), comodo tappabuchi tanto inefficace quanto dannoso ideato dalle classi abbienti.



Che ne pensate? E voi cosa mi suggerite?
Alla prossima settima

6 commenti:

  1. Ciao Gatto libraio.
    Ho letto questo libro proprio lo scorso natale. Non posso dire che mi abbia entusiasmato. L'ho trovato un po' noiosetto (ho letto la versione originale) e anche il finale mi ha lasciata un po' delusa.

    RispondiElimina
  2. Ciao Gatto Libraio, quanto mi piace questo libro :-) . E' uno dei pochi che rileggo ogni tanto!! A presto, Salvia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ok a questo punto mi serve il terzo parere per capire ahahah :-)
      Ciao ragazze ;*

      Elimina
  3. io questo libro l'ho letto più di una volta, a volte lo faccio a distanza di molto tempo li rileggo e mi è piaciuto molto secondo me riesce a trasmettere quell'aria natalizia che a volte ci manca.
    Certo se lo paragoniamo a un libro attuale si vedono tante cose che ci fanno storcere il naso, ma se andiamo a fondo possiamo invece vedere quanto paradossalmente possa essere attuale.
    Un libro che sinceramente consiglierei sempre.

    RispondiElimina