PAGINA 69 #7

Eccomi nuovamente qui per la rubrica del giovedì...scusate le poche parole ma come dice il Bianconiglio...E' TARDI E' TARDI...

Pagina 69

Se sei un autore emergente e vorresti anche tu il tuo spazio nella Pagina 69 pui inviarmi il tuo materiale a gattolibraio@libero.it

Autore Emergente se ti sei appena sintonizzato sul mio blog, il giovedì è dedicato a te quindi scegli come vuoi avere un po' di visibilità (segnalazione o pagina 69) e invia un email a gattolibraio@libero.it con il libro 

Sia per la pagina 69 che per la segnalazione dovrai inviarmi il seguente materiale:
- Libro da segnalare
- Piccolo estratto a piacere del libro
- Biografia
- Foto autore/autrice o qualcosa che vi rappresenti

Avviso: Tutte le email sprovviste di questo materiale non saranno neanche prese in considerazione

Ricordo che la rubrica è stata ideata da Ornella di Peccati di Penna.
 


LOVEMELOVEME di
FABIO MARCHESELLI

LovemeLoveme è una storia vivida, vera, una storia di disagio giovanile, dove il "branco" viene analizzato e studiato, una storia che non può lasciare indifferenti. Un alternarsi fra giorni che ci fanno vivere emozioni intense. Un giallo, un thriller "reale", una storia d'amore fra ragazzi che interseca la tragedia e la società moderna. Tutto questo è LovemeLoveme.








A differenza dei suoi compagni di corso non era mai stato mosso da ideali di difesa dei diritti o dal romanticismo di tutelare i più deboli, così come non aveva mai nutrito particolari ambizioni narcisiste di diventare il principe del Foro. Juan Carlos Arringa semplicemente si divertiva a fare l’avvocato. Tutto qui. A guardarlo, il suo aspetto fisico e il suo abbigliamento, ti proiettava all’interno di uno di quei film polizieschi anni settanta. Più che un avvocato, infatti, ricorda il classico commissario dai modi ruvidi con uno stile tutto suo. Il completo, sempre spezzato, la giacca di velluto con tonalità rigorosamente scure, le basette appena pronunciate e un rapporto morboso, quasi simbiotico con il tabacco, rullato con estrema abilità all’interno di cartine minuscole che gli permetteva una convivenza con la paglia, puntuale tra le labbra. I denti itterici per via del fumo e la zazzera che pareva congelata in uno stato permanente di pettinatura appena abbozzata, confermavano
Chi di voi lo ha già letto? Che ne pensate?

Nessun commento

Powered by Blogger.