PAGINA 69 #5

Ed eccomi nuovamente qui con la Rubrica della Pagina 69 dopo averla, purtroppo, saltata la scorsa settimana. Qui a Roma il tempo è letteralmente impazzito...questa mattina c'è stato un sole favoloso, quasi estito, all'ora di pranzo è piovuto, poi nuovamente sole e ora ancora pioggia...bah i misteri del meteo ahahah ma torniamo a noi con...

Pagina 69

Se sei un autore emergente e vorresti anche tu il tuo spazio nella Pagina 69 pui inviarmi il tuo materiale a gattolibraio@libero.it

Autore Emergente se ti sei appena sintonizzato sul mio blog, il giovedì è dedicato a te quindi scegli come vuoi avere un po' di visibilità (segnalazione o pagina 69) e invia un email a gattolibraio@libero.it con il libro 

Sia per la pagina 69 che per la segnalazione dovrai inviarmi il seguente materiale:
- Libro da segnalare
- Piccolo estratto a piacere del libro
- Biografia
- Foto autore/autrice o qualcosa che vi rappresenti

Avviso: Tutte le email sprovviste di questo materiale non saranno neanche prese in considerazione

Ricordo che la rubrica è stata ideata da Ornella di Peccati di Penna.

 
 
Chupa Chups di DANIELE POLLERO
 
 
Un brutto giorno di primavera, mentre i Due maschi erano spaparanzati in cortile a prendere il sole, udirono un certo trambusto provenire dall'ingresso.
La porta principale si era aperta, e gli umani sembravano inspiegabilmente gioiosi.
«Titti, sei stato tu a fare sto casino?», chiese Billy.
«……………………………………………», rispose Titti con una certa stizza.
«Maledizione, gli sembra il modo di interrompere il sonno altrui? Scommetto che le Due femmine si stanno inseguendo o malmenando, e quegli altri le stanno aizzando. Solita storia. Titti, dai un po' un'occhiata.»
«………………………………………….»
«Uff, ho capito, devo sempre fare tutto io, minchia! Lo sai che ho il movimento lento a causa dell'attrito fra la pancia e il terreno.»
Billy si ricompose e sbucò con circospezione in corridoio.
«E questo chi minchia è?», urlò, drizzando il pelo come un fuso.
Un gigantesco (in proporzione a loro) cucciolo di Dobermann aveva fatto irruzione in corridoio, zompettando da una parte all'altra e abbaiando a più non posso. Un preziosissimo vaso cinese venne urtato e si frantumò in mille pezzi. Gli umani continuavano imperterriti a ridere e gioire, senza curarsi degli inestimabili danni causati dalla belva.
«Titti, ha rotto il vaso cinese, quello che avevamo sottratto con l'inganno ai gatti di Chinatown. È un atto imperdonabile. Mi sta già sulle palle, questo», sbuffò Billy.
«…………………………………….»
«Hai ragione, non è il momento. Scappiamo!»
E i Due si rifugiarono sotto a un letto, dove trovarono le altre Due.
«Ah, siete qui! Ma dove minchia eravate finite?»
«………………………………………», rincarò Titti.
«Ci siamo viste arrivare addosso sto coso nero e ci siamo spaventate… hanno parlato i fenomeni, qua!»
«Chi, noi? Ma figurati! Titti, ci siamo spaventati?»
«……………………………….»
«Beh, in ogni caso dobbiamo fare qualcosa, non possiamo lasciarlo scorrazzare allegramente nei nostri possedimenti come se nulla fosse.»
«Ares, dove vai? Guarda mamma, si è già affezionato ai gatti!», sentenziò uno dei piccoli umani, sghignazzando.
Ares si era piantato davanti al letto e abbaiava furiosamente ai Quattro.
«Miiiiiiiiiiiiiiiiii, come si chiama questo, Alex? Da dove viene, dal Peloponneso? Un barbaro è! Ma poi che minchia di lingua parla? E perché urla? Troppi misteri, dobbiamo intervenire. Titti, come agiamo?», chiese Billy.
«…………………………………………..»
«E voi, ragazze, cosa ne pensate?»
«Abbiamo dominato in lungo e in largo per anni con le nostre forze, sgominando qualunque tipo di opposizione. Certo, questo è grosso…», disse Lagatta, sporgendosi un attimo da sotto il letto, per esservi subito ricacciata a suon di abbai.
«…e anche piuttosto brutto.»

A me personalmente la copertina fa troppo ridere e mi ha messo curiosità...
Voi che dite?


1 commento

Powered by Blogger.